Federazione Italiana Canoa e Kayak - Federazione Italiana Canoa http://www.federcanoa.it/component/content/?view=featured Mon, 25 Sep 2017 22:37:10 +0200 Joomla! - Open Source Content Management it-it NELLE ACQUE FRANCESI DI PAU, CANOA SLALOM E CANOA DISCESA PRONTE ALLA SFIDA IRIDATA http://www.federcanoa.it/slalom/news/4253-nelle-acque-francesi-di-pau,-canoa-slalom-e-canoa-discesa-pronte-alla-sfida-iridata.html http://www.federcanoa.it/slalom/news/4253-nelle-acque-francesi-di-pau,-canoa-slalom-e-canoa-discesa-pronte-alla-sfida-iridata.html

Schermata 2017 09 24 alle 13.33.09Più di 500 atleti provenienti da 57 nazioni entreranno in scena nelle acque selvagge di Pau, in Francia, per chiudere la stagione con l’evento più importante dell’anno post olimpico. Per la prima volta, in una Francia ancora più festante per l’assegnazione dei giochi di Parigi del 2024, il canale artificiale di Pau (cittadina vicino Lourdes) ospiterà in contemporanea i 38° Campionati del Mondo di canoa slalom ed i 12° Campionati del Mondo di canoa discesa sprint. E’ la prima volta che le due discipline si incontrano in un’unica location per assegnare i titoli iridati, segno e volontà da parte dell’ICF di integrare e combinare sempre di più le discipline di acqua mossa, per aumentarne il potenziale sia in termini tecnici che in termini promozionali e di comunicazione.

LE SQUADRE AZZURRE DI CANOA SLALOM E CANOA DISCESA

Evento culmine di una lunga stagione, vedrà in acqua per lo slalom gli specialisti di K1 e C1 maschile e femminile, il C2 maschile e le due new entry di quest’anno, il C2 misto e lo slalom cross, nuove emozionanti aggiunte al programma 2017. Previste anche le gare a squadre nelle discipline del K1, C1 e C2. Squadra italiana al completo con i K1 di Giovanni De Gennaro (Carabinieri), Zeno Ivaldi (CC Verona) e Jakob Weger (SC Merano), nel C1 invece spazio a Raffaello Ivaldi (CC Verona), Roberto Colazingari (Carabinieri) e Stefano Cipressi (Marina Militare). L’ Aeronautica Militare sarà in azione nel C2 maschile con l’equipaggio composto da Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari mentre nel K1 femminile due le italiane al via, entrambe in rappresentanza della Marina Militare, Stefanie Horn e Maria Clara Giai Pron. Christian De Dionigi (Canoa Club Milano) e Beatrice Alducci (CKC Valstagna), rappresenteranno l’Italia nella neo disciplina dell’Extreme Slalom. Gli azzurri, dopo aver chiuso il percorso di Coppa del Mondo e aver archiviato diversi successi, tornano in gioco per dimostrare il loro valore iridato, alla ricerca del podio mondiale. 

Per la discesa, invece, emozioni a fior d’acqua sulla sprint (breve distanza) sia nelle prove singole che in quelle a squadre per K1, C1 e C2 maschili e femminili. Nutrita la delegazione italiana con tredici convocati; nel K1 scenderanno in acqua Nicolò Razeto (CC Nervi), Davide Maccagnan e Leonardo Pontarollo (Valbrenta Team); nel kayak femminile in gara Mathilde Rosa (KCC Palazzolo), Beatrice Grasso (Marina Militare) e Giulia Formenton (CC Oriago). Canadese monoposto maschile a rapporto con Giorgio Dell’Agostino (Addavì), Mattia Quintarelli (CC Pescantina) e a Paolo Razzauti (KCC Palazzolo); mentre nella femminile troveremo invece Cecilia Panato (CC Pescantina) e Marlene Ricciardi (Marina Militare); infine a far la storia della canadese biposto vedremo Federico Fasoli e Vladi Panato (CC Pescantina). 

Chi si sederà sugli spalti e quanti, invece, seguiranno le gesta dei canoisti d’acqua mossa attraverso il live streaming, potranno vantare quasi tutti i medagliati dalle Olimpiadi di Rio 2016, insieme a numerosi campioni del mondo e vincitori della Coppa del Mondo, sia per lo slalom che per la discesa. Il francese Denis Gargaud-Chanut, medaglia d'oro olimpica nel C1 maschile,  il britannico Joe Clarke, medaglia d'oro olimpica nel K1, la spagnola oro a Rio nel K1 femminile, Maialen Chourraut, la tre volte campionessa del mondo nel C1 femminile Jessica Fox ed i cugini slovacchi Ladislav e Peter Skantar nel C2: sono solo alcuni dei grandi nomi dello slalom mondiale che si ritroveranno nelle acque di Pau da martedì.

Ieri in scena il grande show della cerimonia di apertura nello spazio d’acqua antistante l’arrivo, tra colori, folklore, giochi di luce, performance artistiche e splendido spettacolo pirotecnico; il tutto organizzato e gestito in modo impeccabile dal Comitato Organizzatore guidato da Tony Estanguet, deus ex machina dell’assegnazione dei Giochi Olimpici del 2024. Numerosi saranno, inoltre gli eventi collaterali che animeranno il sito di gara attraverso degustazioni, concerti e animazione per ragazzi.

PROGRAMMA DI GARE

Competizioni al via martedì 26 settembre con l’assegnazione delle medaglie per le gare a squadre sia di slalom che di discesa. Mercoledì 27 e giovedì 28 giornate dedicate alle qualificazioni, mentre da venerdì 29 a domenica 1 ottobre spazio alle medaglie. Questi i dettagli:

MARTEDI’ 26 SETTEMBRE

09:00 - 12:10 - SLALOM - Gare a squadre

14:15 - 16:15 - DISCESA - Gare a squadre

MERCOLEDI 27 SETTEMBRE

09:15 - 12:25 - SLALOM - Qualificazioni 1° manche: C2 M, C1 F, K1 M

12:55 - 15:00 - SLALOM - Qualificazioni 2° manche: C2 M, C1 F, K1 M

16:30 - 17:59 - DISCESA - Qualificazioni 1° manche: K1 F, K1 M, C1 M, C1 F

18:15 - 19:31 - DISCESA - Qualificazioni 2° manche: K1 F, K1 M, C1 M, C1 F

GIOVEDI’ 28 SETTEMBRE

09:15 - 11:54 - SLALOM - Qualificazioni 1° manche: K1 F, C1 M

12:09 - 12:25 - SLALOM - Semifinale: C2 MIX

12:35 - 14:25 - SLALOM - Qualificazioni 2° manche: K1 F, C1 M 

14:44 - 15:04 - SLALOM - Finale: C2 MIX

16:00 - 16:19 - DISCESA - Qualificazioni 1° manche: C2 M, C2 F

16:50 - 17:01 - DISCESA - Qualificazioni 2° manche: C2 M, C2 F

VENERDI’ 29 SETTEMBRE

12:05 - 15:25 - SLALOM - Semifinale: C2 M, C1 F, K1 M 

16:35 - 18:25 - SLALOM - Finale: C2 M, C1 F, K1 M 

SABATO 30 SETTEMBRE

10:30 - 12:45 - SLALOM - Semifinale: K1 F, C1 M

15:10 - 17:05 - SLALOM - Finale: K1 F, C1 M

18:15 - 20:20 - DISCESA - Finale: K1 F, K1 M, C1 M, C1 F, C2 M, C2 F

DOMENICA 1 OTTOBRE

10:30 - 11:55 - SLALOM EXTREME - Qualificazioni: K1 M, K1 F

12:15 - 13:15 - SLALOM EXTREME - 8° di Finale: K1 M, K1 F

15:10 - 16:15 - SLALOM EXTREME - 4° di Finale e Finali: K1 M, K1 F

16:45 - 17:00 - CERIMONIA DI CHIUSURA

Live streaming e dettagli: https://www.canoeicf.com/fr/canoe-slalom-world-championships/pau-2017

Risultati live: https://www.canoeicf.com/fr/canoe-slalom-world-championships/pau-2017/rankings-results

Pagina Facebook dell’evento: https://www.facebook.com/paucanoe/

Aggiramenti social dalla nazionale italiana: 

FB: www.facebook.com/federcanoa

IN: ww.instagram.com/federcanoa

 

]]>
stampa@federcanoa.it (Ufficio Stampa FICK) In evidenza Slalom Slalom Sun, 24 Sep 2017 15:45:49 +0200
AD ESSEN CONCLUSIONE SENZA PODIO PER LE ITALIANE: POL. CAN. CATANIA QUINTA, CHIAVARI SESTO http://www.federcanoa.it/polo/news/4254-ad-essen-conclusione-senza-podio-per-le-italiane-pol-can-catania-quinta,-chiavari-sesto.html http://www.federcanoa.it/polo/news/4254-ad-essen-conclusione-senza-podio-per-le-italiane-pol-can-catania-quinta,-chiavari-sesto.html

IMG 3961Chiusura della Coppa Campioni nel bacino di Essen senza podi per le tre rappresentative italiane in campo, ma con una “medaglia” che parla anche tricolore. La Polisportiva Canottieri Catania ottiene il migliore piazzamento, posizionandosi al quinto posto grazie all’ultima vittoria archiviata sul Meridien (team angolosannone). La Pro Scogli Chiavari si accontenta del sesto piazzamento, lasciando vincere l’Amburgo al golden goal nella finale 5°-6° posto. Lo Jomar Club Catania è invece undicesimo e si accontenta di questa prima esperienza in Champions League maturando esperienze importanti. Nota positiva, del fine settimana di champions, la porta a casa Ada Prestipino, che sotto i colori del Loire Atlantique (club francese nel quale gioca come straniera) porta a casa il titolo di Campione d’Europa per club in una partita dove le sue azioni sono risultate determinati nella vittoria sull’1-4 contro il KCNW Berlin. "Siamo passate come seconde dopo il primo girone e nella seconda fase ci siamo trovate ad affrontare Montpellier e Meridian. - commenta Ada Prestipino - Con il Montpellier abbiamo giocato molto di "cuore", proprio perchè durante il camionato francese di quest'anno ci hanno battute e quindi abbiamo cercato la rivincita. Con il Meridian non abbiamo avuto difficoltà e questo ci ha permeso di arrivare prime nel giorne di seconda fase. In semifinale abbiamo incontrato le oladesi del KV Keistad. La finale con il Berlino è stata veramente difficile ma nelel azioni di gioco abbiamo messo ogni singola energia vincendo sul 4-1. Mi sento di concludere sottolienando come la medaglia sia arrivata da una grande voglia di riscatto... abbiamo giocato senza mai mollare una palla, andando a vincere sempre con il cuore!"

Un weekend di fuoco, con i team italiani che hanno dovuto affrontare circa dieci partite in due giorni. Un po’ amareggiate, ma fiere delle performance di gara e sempre con il sorriso, le ragazze di Sandra Catania - potenzialmente da podio - pagano l'unica sconfitta costata l'esclusione dalle semifinali. Un fine settimana iniziato con il positivo avvio (senza sconfitte) che invece oggi porta - con un po’ di sfortuna - le ragazze a chiudere in terza posizione il girone di seconda fase, nonostante la vittoria sul Berlino per 5-4 e la parità di punteggio in classifica. A bloccare le rossoazzurre è solo la differenza reti maturata all’interno della classifica di girone, causata soprattutto dall’amara sconfitta contro le olandesi del Keinstad per 5-3. Relegate alla finale di consolazione per il 5°-6° posto e fuori dalle semifinali non si perdono d’animo e affossato le avversare del Meridian in un drastico 7-1 chiudendo la kermesse di Essen in quinta piazza.

Al maschile, la migliore delle italiane è la Pro Scogli Chiavari, in sesta posizione. Buoni i gironi di qualificazione ma la sfortuna si è scagliata contro i liguri nel difficile girone di seconda fase dove farla franca davanti ai big diventa molto dura. In apertura di mattinata vincono con una bella partita sui campioni di Francia del Saint Gregoire imponendosi sul 4-2. E’ invece la partita “storta” con la squadra di casa dell’Essen a segnare la prima nota negativa di giornata, con la chiusura sul 5-1 e la vittoria dell’armata tedesca. I chiavaresi sono quindi obbligati a tentare il tutto per tutto con la seconda squadra francese, il Montpellier. Resistono bene nella prima metà gara ma poi, inevitabilmente si scoprono per azzardare il risultato e vengono chiusi dai transalpini che piazzano la vittoria sul 5-4 passando come migliori di girone. Perderanno poi la finale 1°-2° proprio con la squadra ospitante dell’Essen.  Il Chiavari tenta la finalina contro gli amici dell’Amburgo finita con la vittoria di quest’ultimi proprio al golden goal sul 5-4.

Lo Jomar Club Catania, alla prima partecipazione in champions chiude all’undicesimo posto. Pareggiano 5-5 nella partita odierna contro i belgi del Gent, mentre la prima sconfitta sul 5-3 arriva nella successiva sfida contro gli inglesi del Liverpool. Mentre la chiusura dell’intenso fine settimana arriva con la vittoria sui polacchi dell’UK Set per 6-5. Tanta esperienza per una squadra che al suo interno vedeva uno dei più giovani ragazzi in campo, il sedicenne Francesco Barbagallo (già azzurrino dell’U21).

Tutti i risultati su: http://www.krm-essen.de/spielplan

]]>
ispagnuolo@change.me (Ilaria Spagnuolo ) In evidenza Polo Polo Sun, 24 Sep 2017 15:00:42 +0200
CHIAVARI E PC CATANIA LEADER IN CHAMPIONS. JOMAR TERZO AD UN PASSO DALLA SEMIFINALE http://www.federcanoa.it/polo/news/4252-keks-tedesco-chiavari-catania-domar-essen-2017.html http://www.federcanoa.it/polo/news/4252-keks-tedesco-chiavari-catania-domar-essen-2017.html

cataniaessen2017Si è chiusa ad Essen, in Germania, la prima fase della Champions League di canoa polo che proseguirà domani con i momenti conclusivi, a partire dai quarti di finale. Giornata positiva per i campioni d’Italia in carica del Chiavari che passano al turno successivo, così come le detentrici del titolo tricolore della PC Catania; per entrambe le squadre quattro vittorie in altrettante partite e ambizioni importanti in vista delle sfide di domani. Sfortunato invece al maschile lo Jomar Club Catania, terzo alla fine della fase a gironi nel gruppo A e prima delle escluse dalla semifinale.

Nel gruppo D i campioni d’Italia del Chiavari non perdonano e accedono con autorità al turno successivo. Chiavari che inizia vincendo 6-2 contro il Liverpool, si ripete poco dopo abbattendo 7-2 i belgi dello Ieper e 4-3, di misura, gli olandesi dell’Odysseus Alkmaar. Ultima sfida di giornata per i liguri che si chiude con la vittoria per Bellini e compagni contro i portoghesi del CKP Barra. Al turno successivo, oltre al Chiavari che chiude con il miglior attacco e la miglior difesa del gruppo (23 goal fatti, 9 subiti), passano anche gli olandesi dell’Alkmaar. 

Al turno successivo con altrettanta prepotenza anche le campionesse italiane in carica della PC Catania che vincono tutte e quattro le partite di giornata. 29 goal fatti e solo 6 subiti, frutto delle affermazioni per 12-0 contro le danesi del Danske Roklub, 7-1 con le polacche del Powisle Varsavia, 4-3 contro le francesi del Loire Atlantique e 6-2 con le britanniche del Liverpool. 

Nel gruppo A inizio comodo per lo Jomar Club Catania abile ad imporsi 6-2 sui finlandesi del Melan Vaantajat e ancor più perentori nell’abbattere 11-4 la formazione svizzera del WW Thurgau. Primo intoppo giornaliero arriva però contro i padroni di casa del KRM Essen; i campioni in carica vincono 6-3 contro la compagine catanese che riesce poi a tenere sul 3-3 contro i danesi del Silkeborgs Sonner. L’ultima sfida di giornata, contro gli spagnoli dell’ RCN Castellon, si chiude con il risultato di 5-3 per i siciliani. Contemporaneamente i padroni di casa dell’Essen perdono 4-3 contro i danesi del Silkeborgs Sonner. Un match contestatissimo per l’esito conclusivo dai nostri colori, in virtù del quale passano in semifinale danesi e tedeschi, con lo Jomar Club Catania che non riesce a centrare le prime due posizioni del girone, requisito necessario per volare in semifinale. In classifica, al termine del girone, Silkeborgs 13 punti, Essen 12, Jomar Club Catania 10, Castellon 6, a 1 punto Melan Vaantajat e WW Thurgau.

Domani si torna in acqua per la seconda e decisiva fase; risultati nel dettaglio al link http://www.krm-essen.de/spielplan/

]]>
stampa@federcanoa.it (Ufficio Stampa FICK) In evidenza Polo Polo Sat, 23 Sep 2017 19:17:37 +0200
WE ARE #FEDERCANOA: I NUMERI DI UNA CANOA SEMPRE PIU' DIGITAL http://www.federcanoa.it/federazione/news/4249-federcanoa-i-numeri-di-una-canoa-sempre-piu-digital.html http://www.federcanoa.it/federazione/news/4249-federcanoa-i-numeri-di-una-canoa-sempre-piu-digital.html

Schermata 2017 09 22 alle 11.07.15Il Campionato Italiano di canoa velocità a Milano non è stato solo agonismo, ma è stato emozione e passione, vissuta dall’intero mondo della canoa italiana. In un unico evento abbiamo visto giovanissimi della categoria Ragazzi, alla loro prima esperienza di altro livello, affianco ai meno giovani, ma agguerriti, della categoria Master, passando per le categorie Junior, Under 23 e chiudendo con l’alto livello delle nostre squadre Senior. Tra le sfide in acqua abbiamo assistito a momenti di grande fairplay, attimi di condivisione dei più puri ideali dello sport, abbracci e sorrisi all’arrivo sul pontile, strette di mano e soddisfazione. Per tutti, salire sul podio sospeso sull’acqua dell’Idroscalo di Milano è motivo di orgoglio e, a chiusura di stagione, ripaga tutti i sacrifici per cui si è lavorato nella intensa stagione agonistica. 

La logica dei grandi media ci porta, purtroppo, come succede per altri numerosi sport, a non avere l’attenzione che ci meritiamo, ma oggi grazie alla digitalizzazione, ognuno di noi può essere “amplificatore” del movimento canoa e del brand federale. Allora, per questa volta, abbiamo deciso di dare i numeri, quei numeri che dimostrano (all’interno e all’esterno) come siate voi a rendere ancor più grande il mondo della canoa. 

Per la Federcanoa, Facebook rappresenta il canale con il maggior peso in termini di acquisizione fan ed interazioni ed è sempre stato gestito senza ricorrere in alcun modo ad investimenti economici e inserzioni a pagamento. Inoltre, esattamente come avviene per molti brand, Instagram sta diventando una piattaforma decisiva per aumentare l’engagement e le interazioni con la nostra community di riferimento. Per quanto riguarda le strategie di “content” per le attività di real time viene preferito Facebook, mentre per raccontare il “dietro le quinte” e le emozioni si sceglie Instagram.

Per arrivare a queste conclusioni, abbiamo analizzato le performance dei contenuti pubblicati sui canali federali nel periodo di riferimento (dal 18/09/16 al 18/09/17), riscontrando una crescita più che positiva nell’ultimo anno. Questo tipo di analisi ci fa capire in che termini sta performando la nostra attività sui social network e, soprattutto, se sta rispondendo agli obiettivi. Inoltre, conoscere la tipologia di contenuto che performa meglio sui vari canali, ci consente, di anno in anno, di calibrare la pianificazione ottimizzando i risultati e tenendo conto delle aspettative della platea di riferimento.

Nel biennio di riferimento 2015-2017, il canale Facebook della Federazione Italiana Canoa Kayak ha raggiunto un totale di 227.679 interazioni tra reaction, commenti e condivisioni (KPIs). La fan base, ovvero il numero di like alla pagina ufficiale, è risultato in crescita del 97,5% (da 8.500 a 17.000 like). Anche l’engagement ha riscontrato un trend positivo con i picchi maggiori in occasione di eventi internazionali e campionati italiani, raggiungendo il 46,94% di coinvolgimento della fan base. La pagina presenta, inoltre, una crescita mensile media del 4,5%. (*fonte Fanpage Karma). Sul canale Instagram (aperto a metà 2015) si registrano ad oggi 4.582 follower1.237 post189.260 like. Il numero totale di volte in cui i nostri post su Instagram sono stati visti è pari a 69,083 impression con 1.456 visualizzazioni medie a settimana. Grande successo hanno riscontrato le #stories ed i collegamenti effettuati dagli atleti stessi dai vari campi di gara, sempre attraverso i portali ufficiali. Il nostro top hashtags #federcanoa, ha registrato più di 4.000 menzioni nell’arco del 2017 e la frequenza di condivisione media è di 2,5 post al giorno, con un innalzamento a 4,7 durante i fine settimana di gare sia su Facebook che su Instagram.

Quest’anno, dopo il buon avvio dello scorso anno, abbiamo spostato il servizio di live streaming direttamente “in house”, ovvero sui nostri canali Facebook, in modo tale da far diventare gli eventi parte di una strategia di comunicazione utilizzata, insieme ad altre forme di comunicazione, per moltiplicare l’audience. In questo senso, l’evento è sempre meno tattico e sempre più strategico e la sua portata non si esaurisce più nel tempo dello svolgimento, ma rimane per essere rivisto e condiviso raggiungendo una fetta sempre più ampia di stakeholder. Due sono le parole che abbiamo scelto per caratterizzare questo anno: la prima è digitalizzazione, proprio per l’effetto di amplificazione del messaggio e del target che genera. La seconda è creatività, vero cavallo di battaglia di ogni progetto di successo; sintomo di consolidamento e stabilità, crescita quantitativa, innovazione e cambiamento. Abbiamo iniziato, quindi, un progetto volto sempre di più al digitale, dove ad essere protagonisti sono i contenuti veicolati dagli stessi protagonisti dello sport della canoa, sperando che possa essere solo l’inizio della sfida che ci siamo prefissati nei prossimi anni. I video dei Campionati Italiani di Milano hanno raggiunto una media di 1.130 like, con circa 150 commenti e 31.225 contatti raggiunti. Tra i top video troviamo anche la vittoria della medaglia d‘oro ai Campionati del Mondo di Siracusa lo scorso anno (4.448 like e 243.945 contatti raggiunti) e gli esercizi di core stability della nazionale femminile al Centro Federale di Castel Gandolfo, post che ha registrato in assoluto il più alto numero di interazioni nell’arco del 2016-2017 con 10.116 like, 121 commenti e 361.468 contatti raggiunti. Segue il video relativo alla medaglia d’argento dello slalom con Stefanie Horn all’Europeo 2017 e quella di Marta Bertoncelli al Mondiale Junior e Under 23; mentre per la canoa velocità, è la medaglia di Susanna Cicali e Francesca Genzo alla Coppa del Mondo di Szeged a registrare maggiori interazioni, seguita dall’emozionante video che celebrava le medaglie degli EYOF di ZIroni, Bellan, Moceo e Gherardini.

Un altro punto chiave è lo studio della distribuzione demografica e geografica della fan/follower base. L’obiettivo di questa analisi è individuare le aree geografiche più interessanti nel periodo analizzato. Su Instagram abbiamo il 67% di uomini e il 33% di donne, con la maggior parte dei follower appartenenti alla fascia di età 18-24 e la maggior provenienza territoriale da Lazio, Lombardia e Sicilia a livello italiano, mentre da Spagna, Russia e Francia a livello europeo. Su Facebook, la proporzione è simile, il 35% del pubblico appartiene al genere femminile, il restante 65% al genere maschile, cambia però la fascia d’età che regista una presenza maggiormente significativa nel range 25-34.

E’ questa la canoa che vogliamo, quella per cui ogni giorno l’intera macchina organizzativa della Federazione lavora.

]]>
ispagnuolo@change.me (Ilaria Spagnuolo ) In evidenza Fick News News Fri, 22 Sep 2017 11:10:16 +0200