Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

GIOVANI TRA LE WILDWATER, PROSEGUONO I RADUNI

Leggi dopo
radunodiscesanevesmallAncora giovani in raduno, stavolta a Valstagna, per la discesa italiana.

Con un’ora e mezza di fiume praticabile, da località Collicello a Bassano del Grappa, il fiume Brenta risulta ancora una volta ottimale per raduni come questo. Nonostante le temperature a volte rigide, i ragazzi presenti hanno avuto modo di cimentarsi in test e allenamenti interessanti, come conferma il tecnico azzurro Robert Pontarollo:’’Riusciamo a far allenare al meglio i ragazzi che riescono a sfruttare al massimo le condizioni particolari del fiume. Grazie anche all’ottimo lavoro di Alessandro Berton, inseritosi recentemente e in maniera ottimale negli staff federali della discesa, il lavoro prosegue; il livello alto dell'acqua a causa dello scioglimento della neve consente la pratica in condizioni tecniche uniche in questo periodo dell'anno. Alcune defezioni ad inizio raduno hanno si ridotto il numero degli atleti, ma dall’altra parte ci hanno consentito di lavorare in maniera più attenta e personalizzata, seguendo i ragazzi ancor più da vicino. E’chiaro, avremmo preferito avere con noi tutti i convocati ma siamo comunque soddisfatti. Due giorni fa ad esempio dopo la solita corsetta mattiniera, l'allenamento in canoa e la seduta di pesi, si è seguito il programma e dopo una mezzora in scioltezza di nuoto in piscina ci siamo permessi uno svago con gli atleti praticando l'eskimo! Il divertimento dunque non manca.

I raduni giovanili servono e rimangono la chiave di volta per il raggiungimento dell’obiettivo comune che ci siamo prefissi all’inizio di questa grande avventura. I risultati arrivati fino ad ora confermano la bontà di questa scelta e anche i ragazzi dimostrano di apprezzarla. Speriamo che in futuro ci siano meno defezioni al fine di poter gestire e organizzare al meglio altri raduni. L’auspicio è che anche questo stage lasci un segno o meglio un bellissimo ricordo ai ragazzi, fissando nelle loro menti quanto sia bello socializzare e vivere queste esperienze sane e positive.’’


Oggi l’ultima giornata di raduno, poi scambio di auguri, fetta di pandoro e tutti a casa per trascorrere il passaggio dal 2009 al 2010. L’appuntamento con la canoa è al prossimo anno, dopodomani insomma!

Ufficio Stampa FICK

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004