Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

DAI CR:A BACOLI (NA) LA FESTA DELLA CANOA CAMPANA

canoacampanaDa www.federcanoacampania.it - Nell'edificio dell'Ostrichina, all'interno del parco Vanvitelliano sul Lago Fusaro, con il patrocino morale del Comune di Bacoli si è svolta la rituale "FESTA DEL CANOISTA CAMPANO".

Il Presidente Sergio Avallone ha condotto la serata con l'ausilio del Consigliere Federale l'Ing. Fabiano Roma e dal Dott. Raffaele Cammarota, Presidente della Polisportiva Flegrea, che vuole sviluppare le attività nautiche nei Laghi del Parco dei Campi Flegrei.

I primi ringraziamenti sono stati rivolti alla Canoa Campana che su tutti i campi agonistici e amatoriali, ha fatto valere le proprie capacità, sia tecniche che organizzative.

Il Presidente Avallone ha ricordato che nella storia della canoa-kayak campana, il 2011 ha visto la prima volta successi in tutte le discipline praticate. Nella Canoa Polo i successi del Circolo Nautico Posillipo, guidato da Michele Trapani, come dirigente, che ha conquistato il suo settimo scudetto confermando essere la società di specialità più vincente in Italia. A seguire il Canoa Club Napoli, che con lo Scudetto Juniores ha ritrovato un titolo che mancava da circa venti anni nella bacheca Bacolese.

Nella Discesa Fluviale: il CKC Policastro Bussentino che ha vinto con il terzetto Laterza-Cinque-Mega i due titoli ragazzi a squadre Sprint e Classica, e  la Polisportiva Cilento con Paolo Bifano sempre tra i migliori attori della prova Sprint a livello internazionale.

Infine l'acqua piatta con Orazio Manzo della Canottieri Agropoli che tra i master ha conquistato quattro titoli e la squadra ragazzi del Circolo Nautico Posillipo allenata da Peppe Buonfiglio, che nel kayak maschile si è rivelata con i suoi quattro artefici Carlo Iacono, Luca Fiorentino, Francesco Ambrosio e Gabriele Masullo la compagine più forte d'Italia conquistando quattro titoli di categoria dalla Marathon alla super Velocità.

Infine i ringraziamenti che Avallone ha voluto negl'ultimi anni riservare a chi ha segnato la storia della canoa campana, e che nonostante il tempo non smette mai di essere legato al nostro sport. Il Premio "una Vita per la Canoa" è stato consegnato all'Ing. Guido Roma che all'età di ottantanni continua a gareggiare e vincere nelle categorie master e a Rosario Occhiello, il primo campano a vincere un titolo italiano.

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004