Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

TERRADEIFORTI: ANCORA UN GRANDE SUCCESSO PER L'ADIGEMARATHON

          PartenzaBorghettodAvio VERONA, 17 OTTOBRE - Nemmeno il tempo birichino ha fermato la settima edizione dell’Adigemarathon Terradeiforti, maratona internazionale di canoa, kayak e rafting che ha visto 500 canoisti agonisti di 82 società provenienti da 10 nazioni, solcare il fiume Adige. Oltre ad altrettanti amatori in canoa e gommone scesi dall’Isola di Dolcè, per una grande festa della canoa italiana organizzata, come di consueto, dall’associazione sportiva dilettantistica Terradeiforti Sport, Canoa Club Pescantina, Verona e Borghetto, Comune di Dolcè, Pescantina e il patrocinio di Regione Veneto, Comuni di Rivoli Veronese, Brentino Belluno e Avio e la fondamentale collaborazione di 400 volontari. Anzi, talmente sentita era la gara internazionale, che valeva tra l’altro come prova unica per il campionato italiano di maratona fluviale, che da Borghetto d’Avio i canoisti sono partiti con qualche minuto d’anticipo rispetto all’orario stabilito, le 10, allo start d’eccezione della campionessa olimpica di mountain bike Paola Pezzo.

   TomasSlovakvincitoreassolutodellAdigemarathonfotoennevi ‘’La canoa? Sport duro e faticoso ma, come la mountain bike, meraviglioso perché sempre a contatto con la natura’‘. ha commentato la Pezzo mentre, tra la spettacolare partenza della trentina Borghetto d’Avio curata come di consueto dal Canoa Club Borghetto e il traguardo di Pescantina, andavano in scena 35   chilometri di adrenalina pura e duelli mozzafiato terminati solo all’agognato traguardo veronese.

   Primo assoluto il fuoriclasse ceco Tomas Slovak, vincitore del K1 Olimpico Senior in 1 ora 56 minuti 47 secondi che ha battuto al fotofinish il K2 Olimpico Master dei tedeschi Seibel e Klemm (1 ora 56 minuti e 48 secondi). In campo femminile pagaie al vento per il K2 Olimpico senior delle tedesche Manuela Stoeberl e Maria Hollerieth, prime in 2 ore 9 minuti e 59 secondi.

 MaxBenassiLucaPiemonte  Terzi, primi tra gli italiani, il K2 Olimpico Senior del campione del mondo Max Benassi e Luca Piemonte, in acqua travestiti rispettivamente da Superman e Uomo Ragno. Ma nemmeno il travestimento da supereroi ha funzionato per portare in Italia l’Adigemarathon che mai ha iscritto nell’albo d’oro un vincitore assoluto italiano. Il duo azzurro è giunto a 16 secondi da vincitore. ‘’Dopo dieci chilometri eravamo in testa - hanno masticato amaro i due azzurri sul traguardo di Pescantina - un problema tecnico purtroppo ci ha rallentato, complimenti però a chi ci ha preceduto’‘. A parziale soddisfazione del duo azzurro il successo di categoria.

   Ma l’Adigemarathon ha parlato anche veronese grazie a Luca Panziera, portacolori del Canoa Club Pescantina presieduto da Alviano Mesaroli. Panziera si è laureato campione italiano di maratona fluviale nella categoria K1 maschile Senior, percorrendo i 35 chilometri col ragguardevole tempo di 2 ore 2 minuti e 18 secondi, precedendo Mariano Bifano della Marina Militare Luni Sarzana (2 ore 3 minuti 39 secondi). Tempo che ha permesso a Panziera di primeggiare anche nella classifica assoluta della categoria in questa settima edizione dell’ Adigemarathon. ‘’E’ stata una gara dura soprattutto nella seconda parte - ha commentato un esausto ma felice Luca Panziera - dopo la Chiusa di Ceraino la fatica si è fatta sentita, per questo la vittoria è stata ancora più bella’‘. Le soddisfazioni per il CC Pescantina non sono finite qui: Andrea Simonelli ha vinto il titolo italiano nel K1 Fluviale Master E col tempo di 2 ore 20 minuti e 21 secondi. Grandi soddisfazioni anche per il Canoa Club Vicenza: Andrea Giacoppo ha vinto il titolo italiano nel K1 Fluviale Master B (2 ore 9 minuti e 4 secondi), successo bissato dal compagno di squadra Andrea Pavan nel K1 Fluviale Master A (2 ore 8 minuti e 16 secondi). Successi anche per il Valbrenta Team Asd che ha laureato campione italiano nel K1 Fluviale Junior Stefano Scremin e nel K1 Fluviale Ragazzi Pierpaolo Bonato mentre al secondo posto, nel K1 Fluviale Under 23, si è classificato Davide Maccagnan sempre del Valbrenta Team Asd.  Nel campionato italiano ragazzi, snodatosi sui venti chilometri dall’Isola di Dolcè a Pescantina, gradino più alto del podio per Pierpaolo Bonato del Valbrenta Team Asd in 1 ora 10 minuti e 46 secondi, quarto Francesco Vassanelli del Canoa Club Pescantina (1 ora 12 minuti 34 secondi). Tra i master vittoria assoluta nell'Adigemarathon per Cesare Mulazzi della Canottieri Adda 1891 di Lodi in 2 ore 1 minuto e 41 secondi. ‘’Acqua sotto e acqua dal cielo, miglior tempo non ci poteva essere per concludere la stagione agonistica della canoa italiana perdipiù con l’Adigemarathon, una manifestazione che sta regalando soddisfazioni a tutto il nostro movimento’‘ ha commentato dal palco delle premiazioni il presidente della Federazione Italiana Canoa e Kayak Luciano Buonfiglio mentre Bruno Panziera, presidente di Terradeiforti Sport, annunciava: ‘’Nel 2011 l’Adigemarathon costituirà una delle dieci prove del primo campionato mondiale di maratona fluviale’‘. Su www.adigemarathon.it le classifiche complete della manifestazione

 

 

 

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004