Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

ZAMENGO-SCARPA: UN K2 DA RECORD E SOLIDARIETA'DA PIRANO A VENEZIA

k2zamengoscarpa«L'impresa che abbiamo compiuto vale più di un oro olimpico, per il valore umano e sportivo». Queste sono state le prime parole di Daniele Scarpa, campione mondiale ed olimpico, al rientro dal raid Pirano-Venezia, lungo l’antica rotta del Sale, a bordo di un kayak doppio, pagaiando senza soste con il sessantacinquenne non vedente Tibaldo Zamengo. Partiti alle 6 del mattino da Pirano, Scarpa e Zamengo hanno compiuto un’impresa epica (con record sportivo annesso), percorrendo 100 chilometri in 10 ore e mezza, alla media di 6,5 nodi all’ora e 90 pagaiate al minuto. A conti fatti, ciascun atleta ha solcato l’Adriatico con 54mila colpi di pala.

 

A Pirano, Scarpa e Zamengo sono stati accolti e festeggiati dal vicesindaco Alberto Manzin e da tutta la comunità italiana. Con i due veneziani c’era il team italiano (atleti veneziani, trentini e romani) che hanno seguito il raid in canoa polinesiana a 6 posti, allenamento per il prossimo campionato del mondo, ad ottobre, nelle Hawai, per l’associazione “Canoa Republic” di Daniele Scarpa e Sandra Truccolo. Durante il percorso, caratterizzato da afa e calura, i due atleti hanno dovuto assumere integratori e sono stati spesso rinfrescati da secchiate gettate dalla barca appoggio. Questo non ha impedito crampi, vesciche e stati di profondo affaticamento. Ma i due hanno resistito stoicamente e caparbiamente fino alla fine, giungendo trionfanti alla Bucintoro, per il Redentore e per inaugurare la nuova scuola di “Stand Up Paddling” (surf vogato all’impiedi). L’iniziativa è stata concepita per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione dei non vedenti e per mettere all’asta il kayak dell’impresa, divenuto “storico”, a favore dei pozzi d’acqua nel Kenia collaborando con Green  Cross Italia.

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004