Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

A CASTELGANDOLFO IL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I TECNICI

Leggi dopo

seminarioCome da programma, con l’intervento conclusivo del Presidente federale Luciano Buonfiglio, si è chiuso  domenica  27 il Seminario di aggiornamento dedicato agli Allenatori. Le due giornate di approfondimento e studio,  alle quali hanno preso parte quasi 100 tecnici, sono filate via senza intoppi  secondo lo schema consolidato, che prevede  per il pomeriggio di  sabato temi generali e trasversali alle diverse discipline, mentre  la giornata di domenica è tradizionalmente riservata alle relazioni delle direzioni tecniche, che a sessioni disciplinari separate, hanno discusso  aspetti specifici delle attività svolte e future. I lavori, introdotti da Andrea Argiolas e Marco Guazzini, rispettivamente Consigliere responsabile Coordinatore tecnico del Centro Studi Ricerca e Formazione, si sono aperti con la precisa relazione del prof. Claudio Marini (Istituto di Scienza e Medicina dello Sport del Coni) che ha approfondito il ruolo dei meccanismi energetici alla luce delle nuove evidenze sperimentali. I contributi sono quindi proseguiti con il dott. Mounir Zok, direttore tecnico della Sensorize (azienda fornitrice della federazione), il quale  ha sviluppato alcuni temi legati all’utilizzo di strumenti e apparecchiature specifiche per le misurazioni di importanti parametri del movimento, evidenziandone le finalità in tema di  valutazione funzionale, monitoraggio dell’allenamento e riabilitazione.  Ha chiuso la serata il dott. Antonio Buglione (Università di Tor Vergata), che partendo da una serie di diversi  test e  valutazioni fatte in passato sulle squadre nazionali, ha presentato un innovativo metodo in grado di predire con buona approssimazione prestazioni prevalentemente di massima potenza aerobica come i 1000 Mt in canoa.

 

Come detto, domenica dedicata alle specialità con il contributo diretto delle direzioni tecniche nazionali. Contributo volto soprattutto  a favorire la condivisione, lo scambio e il confronto di idee tra i tecnici delle squadre e la base degli allenatori  societari. In quest’ambito, hanno relazionato:  Robert Pontarollo, Mauro Baron e Roberto D’Angelo per l’Acqua Mossa; Gabriele Fabris, Giacomo Amelotti e Rodolfo Vastola, per la Canoa Polo; Gianni Mazzoni, Ezio Caldognetto, Antonio Cannone e Marco Lipizer, per la sessione disciplinare Acqua Piatta. Ognuno, come sempre, ha parlato dei vari aspetti tecnici, prestativi e  organizzativi. Tutte le relazioni sono state oggetto di discussione ma  il clima costruttivo e collaborativo non è mai venuto meno.  Un bel segnale anche perché le sfide che ci attendono saranno tutt’altro che facili e solo se saremmo capaci di pagaiare tutti nella stessa direzione la meta sarà un po’ più vicina.

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004