Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

MOLMENTI IN AZIONE ALLA MILANO CITY MARATHON

Leggi dopo

molmenti3Rientrato dalla sua avventura nel Gran Canyon, il campione olimpico di canoa slalom Daniele Molmenti è pronto per un fine settimana intenso, anche se lontano dalla canoa. Prima sarà intervistato dagli allievi della Seconda Motoristi della Prima Formazione della Fondazione Opera Sacra Famiglia di Pordenone, poi prenderà parte per solidarietà alla Milano City Marathon.
In occasione del primo appuntamento gli studenti vestiranno anche i panni di “cameraman”: realizzeranno un video incentrato sulla sicurezza stradale, ispirato al programma televisivo Top Gear. L’obiettivo è sensibilizzare i giovani al rispetto delle norme stradali, un tema a cui Daniele tiene in modo particolare; domenica invece Molmenti sarà al via della Milano City Marathon assieme ad altri tre olimpionici: Alessandro Fabian (triathlon, 10.ind Londra 2012), Clemente Russo (pugilato, argento individuale a Londra 2012, argento Pechino 2008) e Cristian Zorzi (sci fondo 1 oro staffetta Torino 2006, 1 argento staffetta Salt Lake City 2002 e 1 bronzo sprint Salt Lake City 2002).

Il campione olimpico di kayak correrà i 10 km per Anpil, l’onlus che raccoglie i fondi necessari al “Progetto Acqua” per i bambini dell’orfanotrofio di Mwene Dito, in Congo. Il progetto consiste nella realizzazione di una struttura di raccolta e distribuzione di acqua potabile e igienicamente affidabile, che permetterà a migliaia di persone di bere in sicurezza migliorando igiene, salute e qualità della vita. ““Fisicamente non sono molto pronto - ha detto Daniele, tornato di recente dalla traversata del fiume Colorado su kayak, assieme al suo allenatore Pierpaolo Ferrazzi -. Ho male a una caviglia e non sono allenato, ma corro nella staffetta Enervit per l'associazione Anpil che raccoglie fondi per
portare acqua potabile in Africa e controllarne l'uso e la qualità: basta questo a farmi allacciare le scarpe. Purtroppo dovrò correre a piedi e non sul… kayak, altrimenti i keniani sarebbero stati avvisati”.

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004