Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

STAGIONE 2015 AL VIA, PAGAIE GIA' IN ACQUA

Leggi dopo

buonficraciunsantiniPrime settimane di allenamento per gli azzurri ma anche nuove importanti decisioni prese nel fine settimana a Roma. Consiglio, consulta , consulta tecnica, incontri con i rappresentanti degli Enti Militari e con gli atleti in allenamento a Castel Gandolfo. Presidente Buonfiglio, sotto quali auspici inizia questa importante stagione?

“Iniziamo con fiducia questa nuova stagione. L’esperienza maturata come Presidente, vissuta in maniera dinamica e sempre propositiva, mi ha posto sempre in presa diretta con la realtà della nostra Federazione, ovvero con la base. Pertanto, sono convinto ancora di più importanti siano le persone, gli atleti, i tecnici, i dirigenti, i praticanti, i giudici arbitri e tutti coloro che “vivono” il nostro sport all’interno delle società e dei comitati a formare questa nostra Federazione. Il nostro compito, il compito di chi è deputato alla gestione consiste nell’ agevolare ed esaltare l’opera di chi ci si dedica a qualsiasi livello ed è questo che continueremo a fare anche quest’anno.  Proprio questo modo di fare, ha fatto si che i maggiori centri di costo sono stati  gestiti con cura e attenzione, rigore meritocratico e trasparenza. L’aver rispettato ancora una volta i budget ci ha dato modo di chiudere con  utile dil bilancio, tutti soldi che andremo a reinvestire e che, unitamente all’incremento dei contributi decisi dal CONI e assegnati alla nostra Federazione garantirà ulteriore linfa vitale alle numerose attività delle nostre squadre.

Entrando nel dettaglio abbiamo esaminato e discusso sui calendari. Sono stati deliberati, così come l’attività di pianificazione e lo abbiamo fatto con un’ottica biennale così da garantire una progettualità e una chiarezza maggiore. Il futuro vedrà sempre più uniti i comitati regionali che abbiamo esortato a fare sempre più rete per dar vita ad attività interregionali, capaci di attrarre più numeri e di ottimizzare le risorse. Anche nei confronti dei comitati e delle società abbiamo previsto un intervento economico che andremo ad erogare come sempre con trasparenza e meritocrazia. I programmi di attività sono stati definiti e molti dei nostri atleti sono già in azione; velocisti e discesisti sono in raduno congiunto a Castelgandolfo, gli slalomisti hanno già iniziato da tempo la preparazione: Molmenti in Australia, De Gennaro e Colazingari pronti ad andare a Dubai mentre la squadra al completo è già stata sul canale di Londra dove lo slalom si giocherà la qualifica olimpica per Rio. E in tema di qualifica olimpica, preso atto della volontà di Mauro Baron di tornare a dedicarsi con maggior costanza allo slalom, lo abbiamo confermato quindi come responsabile dello slalom e dei rapporti con il settore della preparazione olimpica CONI, dando mandato al vicepresidente federale Andrea Argiolas di coordinare il settore velocità con gli attuali tecnici.”

Anche Milano 2015 si avvicina a grandi passi. A che punto siamo?

“Il lavoro è avviato da tempo e siamo a buon punto. Abbiamo lanciato su internet il contest per la mascotte e proseguono gli incontri con istituzioni, associazioni ed enti interessati. Ci siamo attivati con l’ente di promozione CSI per un gemellaggio che legherà in maniera particolare l’evento ad oltre 100 oratori del comprensorio milanese; tutti aspetti che vanno a rendere ancora più completa la fase organizzativa in vista dell’evento. Gli atleti stanno lavorando bene e con loro le società; in occasione del consiglio e della consulta abbiamo ricevuto le rappresentanze degli enti militari alle quali abbiamo consegnato un riconoscimento per il loro ruolo di formatori degli atleti di vertice. Attraverso i presidenti dei Comitati Regionali abbiamo comunque allargato questo nostro plauso anche a tutte le altre società italiane che lavorano con impegno e costanza affinchè la base del nostro sport sia sempre più di qualità. In chiave olimpica, inoltre, proseguono anche le pratiche per il riconoscimento della cittadinanza agli atleti Craciun e Horn mentre per quanto riguarda le attività paralimpiche sono ora in cantiere importanti investimenti che il consigliere federale Adriana Gnocchi, appena nominata come referente di settore, ha illustrato al consiglio pochi giorni fa.”

Canoa, formazione e ricerca. Proseguono le attività?

“Certo, abbiamo stipulato una convenzione con l’Istituto di Medicina dello Sport di Torino per la Paracanoa, con il laboratorio di fisiologia dell’Università di Cagliari che si aggiungono ai numerosi altri rapporti che la nostra federazione ha con gli atenei italiani. Abbiamo analizzato inoltre le possibilità per incrementare ulteriormente i legami tra canoa, rafting e canoa polinesiana con la presentazione di un protocollo in merito a quest’ultima attività. Per chiudere vorrei fare un plauso ad Andrea Donzelli per la sua elezione a chairman ICF del settore della canoa polo; credo, come ho già avuto modo di dire, che sia questa un’ulteriore dimostrazione di quanto sia riconosciuto anche all’estero il valore della nostra Federazione. Ma in chiusura vorrei anche sottolineare la nostra vicinanza, mia e di tutto il consiglio federale, ai club italiani che a causa di queste piogge e delle condizioni climatiche avverse di questi giorni sono stati danneggiati, anche in maniera pesante, dal maltempo. L’acqua è il nostro elemento e anche grazie alle nostre attività molto spesso riusciamo ad evitare situazioni gravi; stavolta le condizioni meteo sono state particolarmente avverse e so di società sportive che hanno avuto danni importanti a sedi e attrezzature. A loro va la nostra vicinanza e l’impegno, compatibilmente con il nostro budget, ad essere loro d’aiuto in maniera concreta, certo che la grande famiglia dei canoisti italiani manterrà vivo il canale di solidarietà che da sempre permette di aiutarsi gli uni con gli altri.”

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004