Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

CHIUDE IL MONDIALE ALL’IDROSCALO, FESTA AZZURRA PER IL BRONZO

Leggi dopo

MILANO, 5 SETTEMBRE – Di nuovo un golden gol. Ma questa volta a piangere ai piedi del podio resta la Svizzera mentre esultano gli azzurri che in questo mondiale di canoa polo a Milano (‘’il migliore e il più equilibrato di tutti i tempi’ come concordano il presidente della federazione internazionale Josè Perurena e il tecnico italiano Klaus Pagano) riescono a ripetere il risultato di tre anni fa ad Edmonton. Aveva ammonito ad avere fiducia Klaus Pagano a credere in una squadra in crescendo. Ha avuto ragione e la medaglia poteva essere ancora più lucente se nella finale di questa mattina con la Germania non fosse arrivato il gol di Bjorn Zirotzski al terzo tempo supplementare a rovinare una delle migliori partite giocate dagli azzurri in questo torneo.

 

  Una vittoria che i tedeschi hanno chiaramente pagato nella finale contro la Francia in cui hanno dimostrato di non avere la freschezza e l’agilità degli avversari che non si sono fatti irretire nelle manovre difensive e sono spesso riusciti a lanciarsi verso la rete della Germania. Marco Porzio, Luca Bellini, Rodolfo Vastola, il capitano Diego Pagano, Alessandro Vaino, Giampiero De Luca, il portiere Andrea Romano, Fabio Pertusi, gli otto che oggi hanno sofferto e gioito in acqua e sulla tribuna d’onore della premiazione. Con loro hanno contribuito alla medaglia gli altri due del gruppo, Alessandro Tixe e Giovanni Lodato che sono rimasti fuori per scelta tecnica.

   Klaus Pagano accomuna tutti  nell’entusiasmo con cui ricorda che ‘’siamo arrivati sul podio nel mondiale più duro della storia, in cui abbiamo visto uscire di scena una squadra di primo piano come l’Olanda e crescere una realtà nuova come la Svizzera che ci ha contrastato molto bene nella finale per il terzo posto. Noi possiamo dire di avere i ricambi, altri non so. Quello che è certo è che lavoreremo sempre di più per dare orgoglio a questo movimento’’.

   Con la Svizzera, nella finale per il bronzo, gli azzurri hanno subito l’1-0 ma si sono immediatamente in parità con il solito Luca Bellini che si è poi ripetuto per il 2-1 all’inzio del secondo tempo. Svizzera quasi subito in parità e poi lunga battaglia tattica fino ai supplementari. Ci ha pensato ancora Bellini, dopo due minuti, a cancellare la paura di una nuova delusione e a portare l’Italia sul podio. Come giustamente ha sottolineato il presidente della ICF Perurena, in finale la Francia ha avuto gioco sostanzialmente facile a regolare una squadra tedesca più lenta e meno reattiva e il 4-2 finale fotografa bene la realtà dei valori in campo. ESULTANZA

   Per l’Italia, sia dal punto di vista sportivo sia da quello organizzativo è ora di bilanci e, secondo il presidente della federcanoa Luciano Buonfiglio chiudono entrambi in attivo. ‘’Ci eravamo riproposti  come obbiettivo – spiega – un posto tra le prime quattro sia tra gli uomini, senior e under 21, sia con le donne. Direi che lo abbiamo centrato al 75% e che con la squadra femminile lo abbiamo mancato per una serie di circostanze sfortunate che l’hanno fatta finire al nono posto nonostante in tutto il torneo abbia subito soltanto una sconfitta e uno stop sul pari con l’Iran. In più, abbiamo un settimo posto con la under 21 femminile. Una squadra di ragazzine che all’esordio hanno fatto molto di più di quanto ci si aspettasse da loro. Complimenti a tutto lo staff tecnico, a Klaus Pagano, ma anche a Rodolfo Vastola che ha guidato la squadra femminile, a Gabriele  Fabris per la under e a Jack Amelotti per le piccole under donne’’. ‘’Quanto all’organizzazione, tutto ha funzionato alla perfezione – aggiunge Buonfiglio – e le immagini tv e i dati parlano da soli. Non s’è mai vista tanta gente all’Idroscalo e questo è sicuramente il premio migliore per il club che s’è prodigato in tutti i modi. Pensate che, a sentire le voci che arrivano, la Spagna potrebbe addirittura rinunciare all’organizzazione del prossimo mondiale che le è stata affidata dalla federazione internazionale per il 2012 perché non si sente pronta a reggere il confronto’’.

   All’Idroscalo, a tutti i partecipanti, agli azzurri medaglia di bronzo, i complimenti del presidente della provincia di Milano Guido Podestà e dell’assessore allo sport Cristina Stancari che hanno partecipato alla cerimonia di premiazione. ‘’Registriamo con piacere  - ha detto Podestà – questo grande successo per i campionati del mondo di canoa polo che si sono svolti per la prima volta a Milano e che hanno visto coinvolte 73 squadre e 600 atleti provenienti da 25 nazioni. Oggi è stata una importante giornata per lo sport e per le decine di migliaia di persone che hanno assistito alle gare, trasmesse anche in diretta tv da Rai Sport e seguite da oltre due milioni di spettatori’’. ‘’Festeggiamo – ha aggiunto Stancari – ilterzo posto della nostra squadra azzurra maschile in questo difficile mondiale che ha premiato gli sforzi della Provincia e della federcanoa italiana’’.

 

 

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004

Cheap Synthroid

Synthroid is especially important during competitions and for rapid muscle growth. No prescription needed when you buy Synthroid online here. This drug provides faster conversion of proteins, carbohydrates and fats for burning more calories per day.