Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

CANOA POLO: MONDIALI; PER GLI AZZURRI UN ESORDIO BUONO A META’

Leggi dopo

idroscalopolo   MILANO, 1 SETTEMBRE – Una vittoria, non proprio scontata ma che lo stesso ct Klaus Pagano ha definito ‘’facile’’ e una sconfitta che invece poteva essere temuta, ma non era sicuramente in preventivo. E’ un esordio tra luci e ombre quello della squadra senior maschile azzurra ai mondiali di canoa polo che hanno preso il via questa mattina all’Idroscalo di Milano. In effetti, il debutto contro Taipei non ha avuto praticamente storia ed è finito con un 14-3 che fotografa piuttosto bene il divario esistente con i cinesi. Sembrava l’avvio di buon augurio per un torneo che gli azzurri intendono interpretare da protagonisti, sia come padroni di casa, sia come campioni europei in carica, sia come medaglia di bronzo agli ultimi mondiali. Invece è arrivato lo stop per 1-2 con la Danimarca. Uno stop con diversi interrogativi perché siglato dai danesi con un rigore dubbio su un fallo di Bellini dopo che la squadra di Pagano aveva praticamente fatto tutta la partita, era andata in vantaggio con un gol di Giampiero De Luca su assist di Bellini e aveva poi subito il pareggio alla fine del primo tempo. Il rigore, a meno di 4’’ dalla fine ha chiuso ovviamente la partita. ‘’Che la Danimarca fosse tra le avversarie emergenti e pericolose – ricorda Pagano – lo avevo sicuramente messo in preventivo. Negli anni passati li abbiamo sempre battuti, ma loro sono in crescendo e noi oggi abbiamo commesso qualche errore di troppo. E’ vero, la partita l’abbiamo fatta noi, in tutti i sensi, ma abbiamo perso. Adesso aspettiamo la partita di domani con la Gran Bretagna per valutare veramente quale è il nostro livello in questo mondiale’’. Non che ci siano concreti rischi di passaggio di turno perché si qualificano le prime tre di ogni girone, ‘’ma – ammonisce il ct – dobbiamo anche cominciare a pensare agli abbinamenti per i prossimi gironi’’. Negli altri gruppi, sono a punteggio pieno, come previsto, Olanda, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Australia.

   Tutto bene, invece per la squadra senior femminile, che ha battuto 6-0 la Danimarca e 4-3 Singapore e domani incontra le ragazze iraniane, e per l’under 21 maschile che ha travolto 18-0 il Canada. Battuta 6-2 dall’Olanda la pari età femminile.

   Sui quattro campi installati sotto le tribune e su tutto lo specchio d’acqua interessato dagli allenamenti, l’Idroscalo offre uno spettacolo eccezionale che in serata sarà teatro della cerimonia inaugurale dei mondiali con la presenza del presidente e del segretario generale del Coni Gianni Petrucci e Raffaele Pagnozzi e del presidente della federazione canoa internazionale Josè Perurena

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004