Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

OCCHI DI GHIACCIO, MEDAGLIA D'ARGENTO. PAOLO CECCON E' SECONDO AL MONDIALE IN BRASILE

Leggi dopo paolocecconokArgento mondiale a Foz do Iguacu, in Brasile, per il portacolori del CCK Valstagna Paolo Ceccon che nella finale del C1 under 23 chiude al secondo posto in 95.09, con un distacco di 1.87 dall’oro conquistato dal britannico Adam Burgess.

Un argento che sarebbe potuto essere oro senza il tocco di palina, e i conseguenti due secondi di penalità in cui Ceccon è incappato durante la sua comunque straordinaria finale. Cresciuto tra le rapide del fiume Brenta, l’azzurro ha saputo interpretare al meglio sin da subito il canale brasiliano ottenendo un ottimo piazzamento in semifinale e riconfermandosi al top nella finalissima a dieci, nella quale ha chiuso invece al settimo posto l’altro italiano, nonchè campione del mondo in carica, Roberto Colazingari. Per il sublacense della Forestale un settimo posto a 6.23 dall’oro; anche per lui decisive le penalità con ben tre tocchi di palina e sei secondi di penalizzazione senza i quali sarebbe stato ad un passo dalla riconferma mondiale. 

L’argento di Ceccon è inevitabilmente motivo di grande soddisfazione per l’intera delegazione azzurra che oltre al settimo posto di Colazingari saluta comunque con positività i buoni piazzamenti ottenuti dagli altri italiani. Zeno Ivaldi nel K1 under 23 chiude al quinto posto assoluto con un ritardo di 4.71 dall’oro conquistato dal ceco Prskavec. Anche per il pagaiatore del CC Verona sono pesantissime le penalità; i due secondi in cui incappa in finale lo relegano fuori dal podio; senza avrebbe chiuso in seconda posizione. 

50 secondi di penalità per salto di porta invece e due tocchi di palina (con conseguenti 4 secondi di penalità) relegano Raffaello Ivaldi, fratello minore di Zeno e specialista del C1 junior, al decimo posto nella graduatoria finale odierna. Ivaldi accusa un ritardo di 56.84 dall’oro conquistato dallo slovacco Mirgorodsky. 

Dalle 20 prove a squadre con l’Italia nuovamente in gara, domani invece finali individuali per Clara Giai Pron nel K1 under 23 femminile. 

Risultati live al sito http://www.canoeliveresults.com/event/2015/foz-iguazu-junior-u23-world-championships.php

Gare in diretta streaming al link http://livestream.com/itaipu/events/3986921

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004