Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

SELEZIONI EUROPEE A TACEN: COLAZINGARI E ZENO IVALDI SUL PODIO, GIAI PRON IN CRESCITA

Leggi dopo

zenoivaldiSi sono chiuse a Tacen, in Slovenia, le selezioni azzurre di canoa slalom in vista dei Campionati europei in programma a giugno proprio nel canale sloveno. Prove che oggi hanno visto l’Italia sul podio per ben due volte con le medaglie di bronzo di Zeno Ivaldi (in foto di Giuseppe D'Angelo) e Roberto Colazingari e al termine delle quali i direttori tecnici Daniele Molmenti ed Ettore Ivaldi hanno diramato i nomi che gareggeranno per andare a caccia dei titoli continentali.

 

Nel K1 maschile staccano il pass europeo Zeno Ivaldi, Giovanni De Gennaro e Jakob Weger; nel K1 femminile ottima prova e pass continentale per Clara Giai Pron e Stefanie Horn; nel C1 maschile si qualificano Roberto Colazingari, Stefano Cipressi e Raffaello Ivaldi. Da confermare per il momento la qualifica del C2 azzurro composto da Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari.

 

“Nel K1 maschile ho avuto conferma che per quanto ci riguarda abbiamo un potenziale enorme; siamo cresciuti tantissimo e per la qualifica erano ben più di tre gli atleti in lizza fino all’ultimo per il posto all’europeo - spiega il dt azzurro Daniele Molmenti - questo significa che in vista delle prossime selezioni, dalle quali andremo a comporre la squadra per la coppa del mondo, i nomi potranno essere diversi da quelli selezionatisi oggi per l’europeo di giugno. Ho visto molto bene al femminile Clara Giai Pron che finalmente è tornata a pagaiare bene e a far registrare ottimi tempi; Stefanie Horn è incappata in un “50 dubbio” senza il quale avrebbe ottenuto un risultato straordinario, ma valutando la sua prestazione siamo più che soddisfatti. Anche nel C1 sono arrivati segnali importanti: Roberto Colazingari ha risposto positivamente a quel salto di qualità che sinceramente ci attendevamo; Cipressi si conferma e Raffaello Ivaldi, pur ad un soffio dalle percentuali, è giovane e promette molto bene e la sua presenza sarà importante all’europeo. Abbiamo iniziato con il piede giusto - conclude Molmenti - e se penso che il nostro terzo K1 selezionato, Jakob Weger, ha soli 18 anni ed è al primo anno della categoria under 23, non posso che essere soddisfatto. Il lavoro che stiamo portando avanti assieme a Ettore Ivaldi e a Guillermo Diez Canedo è finalizzato a grandi obiettivi. E questa due giorni di Tacen è stata uno step importante sulla nostra tabella di marcia. Ora con i selezionati rimarremo a Tacen fino a venerdì, poi torneremo in Italia e ci concentreremo sulle selezioni di maggio a Ivrea”.

 

Nella giornata di oggi, come detto, spiccano i due bronzi azzurri: la prima medaglia di bronzo arriva nel C1 maschile e la conquista Roberto Colazingari, pagaiatore laziale di Subiaco e portacolori dei Carabinieri che in finale chiude al terzo posto con il tempo di 86.88, ad appena 1.50 dall’oro che finisce al collo dello sloveno Benjamin Savsek davanti al russo Kirill Setkin. Ottimo quinto posto in 88.26 per il bolognese della Marina Militare Stefano Cipressi mentre Raffaello Ivaldi, pagaiatore del CC Verona, chiude in 89.97, in decima posizione e con lo stesso tempo dello slovacco e due volte campione olimpico Michal Martikan. Il secondo bronzo di giornata arriva da Verona e lo conquista Zeno Ivaldi nella finale del K1 maschile. Il giovane atleta scaligero, pur toccando la porta numero 16, chiude al terzo posto con il tempo di 81.79 ad appena 2.56 dal francese due volte campione del mondo Boris Neveu che vince la gara davanti allo svizzero Martin Dougoud. Settimo posto, e secondo assoluto degli italiani, per Giovanni De Gennaro che porta i colori dei Carabinieri a 3.59 dalla prima posizione. Omar Raiba, marinaio di Viadana, è nono a 3.84 dall’oro con il meranese Jakob Weger che in sedicesima posizione precede di pochi centesimi Marco Vianello, portacolori del CCK Valstagna. Diciannovesimo Christian De Dionigi, ventunesimo Andrea Romeo, venticinquesimo Marcello Beda.

 

Nel C2 podio sfiorato per Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari. L’equipaggio dell’Aeronautica Militare incappa in due secondi di penalità per il tocco di palina alla porta numero 7, inconveniente che porta a 99.95 il tempo finale che vale il quarto posto assoluto, nella prova vinta in 95.61 dai cechi Kaspar e Sindler davanti ai due equipaggi slovacchi Skantar/Skantar e Hochschorner/Hochschorner.

 

Nel K1 femminile Clara Giai Pron, pagaiatrice della Marina Militare, conferma le impressioni positive di ieri chiudendo in sesta posizione assoluta con un ritardo di 5.09 (e con quattro secondi di penalità) dall’oro che va all’austriaca Viktoria Wolffhardt con il tempo di 94.26. Nono posto odierno per Chiara Sabattini, canoista ligure in forza alle Fiamme Azzurre che incappa in due tocchi di palina e chiude con il tempo di 105.67. Stefanie Horn, in forza alla Marina Militare, mette a segno il miglior tempo in assoluto ma il suo riscontro cronometrico è appesantito da 52 secondi di penalità (salto della porta numero 10 e tocco alla 12 in risalita) che la spingono in sedicesima posizione, lontano dal podio.

 

Nella canadese femminile dove ad imporsi è Nadine Weratschnig, austriaca, in 115.12, Martina Rossi del Canoa Club Nervi chiude al decimo posto con una prova appesantita da 58 secondi di penalità. Risultati completi al link http://siwihome.azurewebsites.net/canoe123/live?SessionKey=slocanoe.20170401 

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004