Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

SLALOM: CAMPORESI-FERRARI VERSO L'AUSTRALIA; PASSO DOPO PASSO CRESCONO GLI AZZURRI

Leggi dopo

camporesiferrariivrea2011E’un inizio d’anno positivo quello di Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari, campionati italiani del C2 e chiamati quest’anno ad inseguire la qualificazione olimpica ai prossimi europei di Augsburg, assieme agli altri equipaggi azzurri impegnati in quest’inizio di stagione a trovare la forma giusta. Ecco le impressioni di Pietro e Niccolò:

 

“Sta andando tutto come da programma. Fino ad ora abbiamo svolto tre bei mesocicli di allenamento intenso, dedicati soprattutto all’aumento della capacità fisiche, ricercando però sempre la massima qualità tecnica e il migliore approccio mentale. Abbiamo cercato di forzare i limiti su tutti i fronti, per trovarli e superarli continuamente. Oltre all’aspetto fisico, stiamo lavorando per evitare i tocchi di porta, che in passato hanno segnato troppe nostre gare. In questo periodo, per allenarci nelle migliori condizioni, abbiamo girato molto fra Valstagna, Augsburg e Solkan, in compagnia degli allenatori federale e non. Per fortuna almeno il clima è stato clemente, perché ci pensavano già i carichi a “stressarci” alquanto. Ora ci godiamo la nostra settimana di “scarico”, per poi ripartire il 1 Gennaio ed andare in Australia il 9, dove affronteremo un periodo specifico al caldo, in un canale che ci piace molto. Qui la nostra tecnica andrà destrutturata e poi riconsolidata, perché gli appuntamenti importanti non sono poi così lontani. A Febbraio, tornati al freddo (speriamo non troppo), faremo un richiamo di forza e dal raduno di Marzo, ad Augsburg, entreremo in mentalità gara: cercheremo occasioni per metterci alla prova a livello internazionale, in modo che gli Europei di Maggio non siano la prima gara dura dell’anno. Da come l’abbiamo scritto sembra che tutto sia schematico e semplice, ma quello che farà veramente la differenza sarà avere la testa sulle spalle al momento giusto.”

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004