Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

SLALOM: AGLI EUROPEI C2 PROTAGONISTI. AVANZANO MASOERO/BENETTI, ITALIA IN FINALE NEL C2 TEAM

Leggi dopo
masoerobenettiseuPrima giornata di gare, oggi, ai campionati europei di canoa slalom a La Seu d’Urgell, in Spagna. Vai al sito ufficiale cliccando qui.

Le buone notizie per l’Italia arrivano dai C2: in primis dalla prova individuale con l’equipaggio Erik Masoero e Andrea Benetti. Il loro C2 targato Corpo Forestale dello Stato conquista agevolmente il passaggio in semifinale chiudendo al 13° posto con il tempo di 1.48.01 e a 5.90 dai vincitori delle qualifiche, gli slovacchi Peter e Pavol Hochschorner.

E buone notizie arrivano anche dalla gara a squadre: Masoero/Benetti, Camporesi/Ferrari e l’equipaggio sperimentale composto da Roberto Colazingari e Daniele Molmenti chiudono con il tempo di 2.06.04, riscontro cronometrico che premia gli azzurri, quinti al traguardo nonostante un tocco di palina e qualificati per la finale a cinque che si disputerà sabato pomeriggio.

Inizialmente ai C2 azzurri era stato assegnato anche un altro tocco di palina che li aveva relegati in settima posizione e dunque fuori dalla finale; presentato ricorso i giudici hanno rivisto la decisione togliendo due secondi di penalità e permettendo all’Italia di salire al quinto posto estromettendo dalla finale Gran Bretagna e Slovenia.

“La decisione di gareggiare anche nel C2 è stato un qualcosa che è nato per gioco con Roberto Colazingari ma comunque ben ponderato – sottolinea Daniele Molmenti – ma sono contento di averlo fatto. A me non piace mai perdere e l’essere riuscito a centrare la finale assieme ai miei compagni è un ulteriore motivo d’orgoglio. A chi mi chiede se sono stanco rispondo che una manche in più non cambia, anzi, la gara di oggi mi ha dato la possibilità di rompere il ghiaccio, stemperare un po’di tensione, divertirmi e conoscere in anticipo il percorso. Tutti aspetti positivi insomma che spero mi daranno carica per la gara di domani”.

“Mi è piaciuto lo spirito con cui i ragazzi hanno preso parte a questa gara a squadre – ha sottolineato il ct azzurro Mauro Baron – arrivare in finale è un risultato che ci soddisfa per quanto riguarda la team race. E’uno spirito, quello dei ragazzi oggi, che aiuta tutto il gruppo.”

Fuori di un soffio dalla “top 20” e dunque dalle semifinali i bolognesi Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari che mancano il passaggio al turno successivo per 1.23 chiudendo al 23° posto; decisivi in negativo, purtroppo, i due secondi di penalità accumulati nel corso della seconda manche per un tocco di palina.

“La soddisfazione di aver centrato la finale nella gara a squadra riduce appena l’amarezza per aver fallito l’accesso in semifinale nell’individuale – sottolinea a fine gara il bolognese Niccolò Ferrari – non pensavamo di rimanere fuori dai venti ma oggi più che mai, visto il percorso piuttosto facile tecnicamente, è risultato fondamentale fare una gara pulita, senza tocchi di palina. Giornate come questa purtroppo capitano. Lavoriamo già per il futuro nel tentativo di far si che siano invece sempre più quelle positive. E comunque sabato mattina c’è la finale a squadre, ora guardiamo a quella.”

Nel K1 donne non si qualifica per le semifinali Angela Prendin, portacolori del CC Mestre che chiude la propria gara al 32° posto.

Domani sono in programma le qualifiche per i C1 (Roberto Colazingari) e per i K1 uomini (Daniele Molmenti, Luca Costa e Andrea Romeo).

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004