Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

SLALOM: A TACEN TRE BARCHE AZZURRE IN SEMIFINALE. DOMANI TOCCA AI K1 UOMINI

Leggi dopo

masoerobenettiSi è chiusa a Tacen la prima giornata del campionato del mondo di canoa slalom. Oggi C1, C2 e K1 donne in gara per le qualifiche, programma modificato rispetto alle intenzioni iniziali a causa della piena prevista per domani mattina. Nel pomeriggio di domani, giovedì, toccherà ai kayak maschili con l’Italia in gara con Daniele Molmenti, Diego Paolini e Stefano Cipressi. Tutti i dettagli e i risultati in diretta sul sito http://www.sloka.si e http://www.123result.com/ .

Per quanto riguarda i risultati di oggi si qualificano alle semifinali Clara Giai Pron, 18° nel K1 donne, il C2 composto da Erik Masoero e Andrea Benetti e quello di Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari, equipaggi rispettivamente al 16° e 19° posto in qualifica.  Nulla da fare invece per Roberto Colazingari che nel C1 è 32° (si qualificavano i primi 30) e per il C2 composto da Daniele Negro e Giordano Fiumara 31° al traguardo (si qualificavano i primi 20).

Ecco l’analisi e il racconto della giornata dalle parole del ct Mauro Baron:

 

“Piove da stamattina e proprio per le situazioni climatiche l’organizzazione ha deciso di anticipare ad oggi le gare del C1 così da lasciar “sfogare”la piena prevista nella mattinata di domani. La speranza è che si riesca a far gareggiare tutti in condizioni accettabili, o quantomeno tutti con lo stesso livello d’acqua. Tornando ad oggi e partendo dai C2 abbiamo scelto, d’accordo con gli atleti e con il dottor Sesana che era alla partenza con Erik e Andrea, di non farli gareggiare nella seconda manche. Quando abbiamo visto che il loro tempo nella prima sarebbe bastato per portarli in semifinale abbiamo optato per risparmiare energie preziose e soprattutto non sovraccaricare la dolorante schiena di Erik Masoero. Una strategia già utilizzata in coppa del mondo ad Augsburg e che ci auguriamo possa divenire solo un lontano ricordo a mondiale ultimato quando si vedrà di risolvere definitivamente il fastidio alla schiena per Erik, atleta di grande valore ma indubbiamente rallentato da questo problema.

Buone indicazioni sono arrivate anche da Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari che hanno centrato la qualifica alla semifinale e dunque il primo loro obiettivo. Dopo una prima manche difficile mi è piaciuta la reazione di Clara Giai Pron che ha saputo digerire il salto dalla categoria junior alla senior. Entrare con il diciottesimo posto in semifinale è segno più che positivo considerando che anche al femminile la difficoltà è aumentata notevolmente e non ci si può più permettere di sbagliare. Qualche imprecisione di “gioventù” l’ha commessa ma sono dettagli sui quali c’è tutto il tempo per lavorare.

Le note meno positive dal punto di vista dei risultati arrivano dal C1 di Roberto Colazingari e dal C2 di Daniele Negro e Giordano Fiumara. Dico meno positive perché le loro prestazioni soddisfano comunque in relazione al loro livello di crescita. Roberto Colazingari è fuori di un soffio dalla semifinale ma la sua gara ha diversi aspetti positivi. E’chiaro però che il livello tra gli junior, dove ha portato a casa il bronzo, ed i senior, è ancora piuttosto diverso. Ciò implica che il lavoro da fare è ancora tanto ma Roberto ha le qualità e l’età per limare giorno dopo giorno il gap che lo divide attualmente dalle posizioni di vertice.

Per quanto riguarda il C2 la loro partecipazione qui era finalizzata al fare esperienza e al partecipare alla gara a squadre. Ai risultati penseremo più avanti, per ora va bene così.

In vista di domani ho visto bene Daniele Molmenti che ha preparato questo appuntamento per tutta la stagione; ci sono tutti i presupposti per vederlo protagonista. Anche Stefano Cipressi è al 100% e lui, già campione del mondo nel 2006, sa cosa deve fare e come deve pagaiare per ottenere il massimo. Diego Paolini ha invece recuperato solo oggi da due giorni di stop forzato a causa di alcuni problemi digestivi. La  sua non sarà dunque una gara in condizioni fisiche ottimali ma con una strategia intelligente e accorta, senza spendere troppe energie inutili credo possa far bene e centrare l’obiettivo di qualificarsi alla semifinale”.

Domani si inizia alle 14:30 con la prima manche, dalle 16:15 la seconda. Alla semifinale si qualificheranno solo i migliori 40.

www.federcanoa.it

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004