Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

VELOCITA': SEI BARCHE AZZURRE IN SEMIFINALE, OUT I K4

Leggi dopo

manfredirizzaLotte all’ultimo centesimo sul bacino di gara di Duisburg nella terza giornata del campionato del mondo di canoa e paracanoa, evento nel quale ieri per l’Italia era arrivata la medaglia di bronzo per Pier Alberto Buccoliero e la finale conquistata nel C1 1000 da parte di Sergiu Craciun, azzurro che gareggerà domani per le medaglie.

Giornata odierna con cinque barche azzurre che conquistano l’accesso alle semifinali di domani e altre quattro che invece si fermano ad un passo dalla finalissima.

Iniziamo dalle barche ancora in corsa: grazie al secondo posto conquistato in batteria avanza alle semifinali di domani il C2 200 di Nicolae Cracin e Daniele Santini, equipaggio che sulla distanza dei 500 lotta fino alla fine con gli azeri Bezugliy/Kupin chiudendo però al quarto posto e lasciando di appena mezzo secondo il terzo e ultimo pass per la finale agli avversari.

Centra l’accesso alla semifinale nel K1 200 anche Manfredi Rizza. Il giovane pagaiatore azzurro già protagonista alle Universiadi e ai Giochi del Mediterraneo chiude al quarto posto la propria batteria di qualifica con il tempo di 36.423; davanti all’azzurro l’ungherese Totka (35.429), il russo Molochkov (35.754) e il rumeno Mitrea (36.397).

Quarto posto in batteria e semifinale conquistata anche per il K2 200 donne di Cristina Petracca e Sofia Campana con le azzurre che fermano il cronometro sul 40.334 alle spalle di Bielorussia, Polonia e Giappone.

Buon quinto posto e semifinale conquistata anche per Mattia Roson nel C1 200 con l’azzurro che chiude la propria batteria di qualifica con il tempo di 41.896 nella gara vinta dall’ucraino Oleksandr Maksymchuk in 40.129. Anche per Roson la lotta per i posti in finale è rimandata a domani.

E in semifinale, con il quinto tempo di manche, va anche Francesca Capodimonte nel K1 200 con un 44.658 fatto segnare dall’azzurra nella gara vinta dalla slovena Spela Janic Ponomarenko.

Semifinale anche per il K2 200 di Mauro Pra Floriani e Manfredi Rizza grazie al sesto posto conquistato in batteria con il tempo di 33.882.

Nulla da fare invece per il resto degli equipaggi azzurri in gara oggi, compresi i K4 che si fermano in semifinale. Quarto posto ad un passo dalla qualifica alla finalissima per il K4 1000 uomini con Nicola Ripamonti, Albino Battelli, Mauro Crenna e Luca Piemonte che in semifinale chiudono con il tempo di 3.00.359 alle spalle di Bielorussia, Australia e Germania. Il tempo dei tedeschi è di 2.59.741, sei decimi inferiore rispetto a quello degli azzurri che hanno pagato forse troppo una partenza poco brillante.

Quinto posto e mondiale chiuso in semifinale anche per il K4 500 donne di Norma Murabito, Cristina Petracca, Sofia Campana e Agata Fantini. Le azzurre sono quinte alle spalle di Russia, Australia, Canada e Repubblica Ceca.

Si ferma in semifinale anche la corsa di Luca Incollingo nel C1 500 con l‘azzurro che ferma il cronometro sull‘1.58.243, ottavo tempo nella gara vinta dall’uzbeko Vadim Menkov.

Oggi in gara anche gli atleti della paracanoa. Nella finale del K1 200 A Salvatore Ravalli è ottavo nella gara vinta dal brasiliano Fernandes de Padua; nono posto invece per Andrea Testa nella finale del K1 200 LTA vinta dal tedesco Tom Kierey.

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004