Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

MOSCA: OCCASIONI DA FINALE MA NESSUNA ULTERIORE POSIZIONE DI RILIEVO

Leggi dopo 10334421 10152130293827717 1873079231206720297 nTerza giornata di gare al mondiale di canoa velocità a Mosca, con gli azzurri impegnati nelle finali A e B e nelle qualificazioni sui 200mt. Una giornata amara con diverse occasioni da finale ma nessuna ulteriore posizione di rilievo. L’Italia sfiora prestazioni da finale A ma manca ancora qualcosa per competere con i migliori.

La finale A del C2 500mt, unica disputata dagli azzurri nella giornata di oggi, ha visto la vittoria della forte Russia, l’equipaggio di casa ha dominato fin da subito la finale lasciando un netto distacco ai romeni Dumitrescu e Mihalachi, secondi classificati. Il bronzo l’ha ottenuto, un po’ a sorpresa, l’equipaggio cubano di Torres e Baez che ha lasciato dietro di se nazioni molto forti nella disciplina “in ginocchio” come Ungheria e Bulgaria. 01:42.271 il tempo del consolidato tandem formato da Nicolae Craciun e Daniele Santini che termina la difficile finalissima in ottava posizione. 

Dimostra di essere da finale A Sergiu Craciun, il canadese italo-moldavo che chiude la finale B del C1 1000mt in prima posizione (decima assoluta) dominando la gara con il tempo di 03:52.244. Carattere e grinta che lasciano al secondo posto l’atleta di casa russa Shtokalov (03:54.493) e al terzo posto il francese Goubel (03:55.578), medaglia d’argento al mondiale del 2009 si Dartmouth e all’europeo 2013 di Montemor o Velho. Nella finale A della stessa specialità dopo aver dominato la gara, il brasiliano Queiroz Dos Santos, cade a pochi metri dal traguardo lasciando l’oro al tedesco Sebastian Brendel (03:44.578) e regalando un bronzo al pluricampione trentunenne ungherese Attila Vajda (03:49.296).

Nessun italiano in gara ma tanta sorpresa nel K1 1000mt dove il cecoslovacco Josef Dostal, campione mondiale Under 23 in Canada lo scorso anno, corona il sogno dell’oro mondiale assoluto in una finale che ha regalato emozioni. Pulsen conclude “solo” in terza posizione mentre il due pilastri della distanza olimpica, il canadese Van Koeverden e il tedesco Hoff, terminano a fondo classifica rispettivamente in settima e nona posizione con tempi fuori dal loro range. 

I Campioni Europei del K2, Matteo Torneo e Giulio Dressino, affrontano la finale B sui 1000mt con una ottima partenza che li vede nei primi 250mt sulla linea della terza posizione. Un percorso in calando li lascia poi concludere in settima posizione con il tempo di  03:15.766. A vincere la finale B sono gli spagnoli Silva/Ribeiro in 03:09.942. Settima anche Stefania Cicali, la specialista fiorentina sulla lunga distanza non riesce da imporsi nella finale B del K1 1000mt, che non rappresenta distanza olimpica. L’azzurra termina sul traguardo in 04:11.125 e farla da padrone è Motamedi Fakhr, atleta nata in Iran e in acqua con i colori americani, che ferma il cronometro su 04:03.342. La stessa Cicali, l’unica italiana a partecipare alle gare di fondo a chiusura di giornata, si posiziona settima anche nella gara del K1 5000mt con il tempo di 23:30.930 ed una gara conclusa con un passo costante a ridosso del gruppo di testa che ha visto indossare l’oro al collo alla britannica Sawers, protagonista di una splendida rimonta sulla bulgara Litvinchuk e l’ iridata maratoneta ungherese Csay, rispettivamente seconda e terza. 

Amara per l’Italia la sessione pomeridiana delle semifinali sui 200mt dove nessun equipaggio azzurro riesce a passare in finale A. L’Italia in acqua con tre equipaggi non riesce a qualificare le sue barche nella massima finale e dovrà accontentarsi delle finali B. Manfredi Rizza e Matteo Florio, le schegge azzurre, per un soffio perdono l’accesso in finale A tagliando il traguardo in 32.078 e “accontentandosi” del terzo posto (passavano in finale i primi due), beffati per pochissimo dagli ungheresi Molnàr e Bàn, secondi a 32.025. Delusione anche per il C2 di Nicolae Craciun e Daniele Santini che paga l’inesperienza, terminando in quarta posizione con il tempo di 36.953, lasciando la finale A a Bulgaria, Romania e Kazakistan. Sesta nel K1 femminile Norma Murabito, la giovane siciliana con alle spalle l’Olimpiade di Londra, ha concluso a metà classifica in 41.518, ottenendo l’accesso alla finale C. 

Domani in acqua a partire dalle 6.30 (ora italiana) vedremo in acqua Nicolae Craciun e Daniele Santini nella finale B del C2 1000, finale B anche per il K4 1000 a partire dalle 6.37, alle 7.05 Sergiu Craciun lotterà nella finale B del C1 500, a seguire avremo la finale B anche per Sofia Campana e Norma Murabito nel K2 500. Appuntamento da non perdere dalle 8.34 con la finale A di  Giulio Dressino e Matteo Torneo nel K2 500. Toccherà poi alle finali B e C sui 200mt con il K1 di Norma Murabito alle 11:15, il C2 Craciun/Santini alle 11:50 ed il K2 Rizza/Florio alle 11:45

Gare in diretta tv su Rai Sport 2 ed Eurosport 2.
Live result: http://www.results.imas-sport.com/imas/regatta.php?competition=wettkampf_112

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004

Cheap Synthroid

Synthroid is especially important during competitions and for rapid muscle growth. No prescription needed when you buy Synthroid online here. This drug provides faster conversion of proteins, carbohydrates and fats for burning more calories per day.