Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

AZZURRINI A QUOTA DODICI FINALI ALL'EUROPEO JUNIOR E UNDER 23 DI BELGRADO, DA DOMANI SI GAREGGIA PER LE MEDAGLIE

Leggi dopo

Schermata 2017 06 23 alle 19.02.28

Partono bene gli azzurrini a Belgrado, in Serbia, dove sono in corso i Campionati Europei Junior e Under 23. Da questa mattina gli azzurri hanno pagaiato per conquistare ulteriori finali sui 1000mt e 500mt oltre a qualificare il maggior numero di barche sulla distanza corta dei 200mt. L’Italia, dopo le prime sette finali di ieri, sale a quota 12, portando cinque ulteriori barche azzurre a concorrere per il podio a partire dalla giornata di domani con le gare che saranno in live streaming sul canale youtube dell'European Canoe Association.

ANCORA FINALI PER I GIOVANI TALENTI AZZURRI

E’ Agata Fantini ad aggiungere la prima barca azzurra odierna alla lista delle finali. L’esperta atleta della Marina Militare archivia con soddisfazione il tempo di 01:53.848 che le permette, con la svedese Stensils e l’inglese Simon, di aggiudicarsi una corsia nella finale del K1 under 23 femminile. Non delude le aspettative nemmeno Matteo Torneo che dopo l’ottima batteria di ieri conferma i pronostici e in 01:37.992 qualifica con il terzo tempo il K1 under 23 maschile insieme alla Norvegia di Peters e al Belgio di Ullvang. Dopo la performance sui 1000m, bissano la conquista della finale anche sui 500m i ragazzi del C2 under 23, Fabrizio Mattia e Davide Cestra che in  01:42.404 vincono la semifinale e si aggiudicano il bis da finalissima. Ad imporsi fin da subito sulla breve distanza è il K1 junior 200m di Simone Bernocchi. L’azzurrino in volata sui 36.284 secondi è primo della sua batteria e terzo tempo assoluto, risultato che lo porta in direttissima ad occupare fin da subito una corsia in finale. Non si accontenta però del K1 ed in coppia con Giacomo Bolzonella detta legge anche nel K2 200m junior, con autorevolezza ed eleganza, guadagnando l’accesso alla finale in “best time” (00:32.450), che lo porta ad aggiudicarsi a pochi minuti di distanza anche la finale del kayak biposto.

GLI ALTRI AZZURRINI SI FERMANO IN SEMIFINALE

Giulia Senesi non riesce ad imporsi nel K1 junior 500m e alla sua prima esperienza in acque internazionali ferma la barca in semifinale e torna a casa con la soddisfazione di aver gareggiato con le migliori d’Europa. La stessa, in coppia con Lucrezia Zironi, conclude anche l’avventura sia del K2 junior femminile 500m che 1000m, portando a casa una sesta posizione in entrambe le semifinali. Stessa sorte per Camilla Placchi, che nella canadese monoposto cede alle più esperte e chiude ottava il C1 500m junior. Francesco di Santo sfiora per 4 decimi la qualifica nel C1 junior 500m maschile e per poco meno di un secondo quella nel C1 1000m, fermandosi a ridosso delle prime tre posizioni in entrambe le gare. Si ferma in semifinale anche il K2 under 23 500m di Francesca Capodimonte e Roberta Gennaro, che chiude 5° ad un secondo dalla qualifica finale. Non riesce ad imporsi il duo della canadese biposto junior maschile composto da Leonardo Fucci e Roberto Pinato, si fermano con un 7° posto in semifinale. Due i secondi che separano il quartetto azzurro  composto da Veronica Bordignon, Irene Bellan, Elena Ricchiero e Giorgia Ferraro, dalla finalissima del K4 junior 500m. Le azzurrine fermano l’avventura in semifinale, con un quinto posto ed il tempo di 01:40.876. Chiude settimo, con qualche nota di rammarico, il K4 under 23 di Schera, Giorgi, La Spina e Dal Bianco, anche per loro l’avventura si ferma in semifinale (03:32.824). Nel K1 under 1000m Samuele Burgo si ferma ad un passo dalla finale, a togliergli il sogno della lotta al podio sono Gran Bretagna, Danimarca e Croazia. Nella lunga dei 1000m Pommella e Meneguolo non riescono a bissare il successo dei 500m e nel K2 junior si fermano come ultimi della semifinale. Non va a segno nemmeno il K2 under 23 1000m composto da Agnese Celestino e Beatrice Scartezzini, per loro si chiude l’europeo con un quinto posto in semifinale. Il K4 junior maschile di Dal Bianco, Paliaga, Spurio e Rinaldi non ama la lunga dei 1000m e in semifinale scivola in quinta posizione senza qualifica. 

PRIME BATTERIE SUI 200 METRI

Francesco di Santo è settimo nella batteria del C1 junior 200m, risultato che lo porterà a disputare la semifinale domani alle 15:10. Sesto posto per Irene Bellan nel K1 200m junior femminile, anche per lei verifiche rimandate a domani con la semifinale delle ore 15:15. Quattro decimi di secondo separano Andrea di Liberto dalla conquista della finale diretta nel K1 under 23. il siciliano archivia una bella prova, chiusa in 00:35.144 e si prospetta tra i favoriti della semifinale di domani alle 15:30. Danilo Auricchio, nel C1 under 23 200m è solo settimo, toccherà attendere domani per capire se riuscirà a superare lo scoglio della semifinale. 00:41.770 il crono sul traguardo di Francesca Capodimonte che cercherà di combattere nella semifinale di domani per guadagnarsi una delle nove meritate acque della finalissima del K1 under 23 200m.

Live results su: http://europecanoeevents.com/live-results?gmt=2&gmt2=-120

Live streaming su: https://www.youtube.com/CanoeEurope

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004