Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

TURIN KAYAK CANOE MARATHON: PARTECIPAZIONE SOPRA LE ASPETTATIVE NELLA DUE GIORNI DI GARE INTERNAZIONALI

images/large/DSC_6234.jpg
CANOA MARATONA

A Torino si chiude con soddisfazione la seconda edizione della Turin Kayak Canoe Marathon, maratona internazionale di canoa lungo il Po organizzata dal Circolo Amici del Fiume in collaborazione con l’International Canoe Federation e la Federazione Italiana Canoa e Kayak. Gare belle ed entusiasmanti, con una partecipazione sopra le aspettative ed un livello tecnico molto alto. 

L’evento, che alla sua seconda edizione nonostante le limitazioni dati dalla pandemia ed i ferrei protocolli anti-contagio, ha visto in acqua più di cento atleti con la partecipazione delle rappresentative francesi, tedesche e spagnole, e anche quest’anno ha voluto sostenere un progetto sociale, la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro ONLUS: per ogni iscrizione alle categorie U16 e Juniores sono stati devoluti € 3,00 alla Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus ed € 5,00 per ogni iscrizione alle categorie Seniores e Master.

Tra gli italiani, presenti all’appuntamento internazionale dopo l’esordio di inizio mese nel Campionato Italiano di Firenze, diversi big di disciplina che si sono cimentati in un percorso (dai km variabili a seconda della categoria) compreso tra il Ponte Vittorio Emanuele I (Murazzi) ed il Ponte Isabella. Numerosi i medagliati internazionali nella disciplina della canoa maratona, provenienti da diverse parti d'Europa, che hanno regalato spettacolo sul fiume Po.

Nei senior è il club francese ASEV Conde Sur Vire a mettere a segno un trittico nel K1 sui 29,8 km di gara con l’oro a Jeremy Candy (02:08:11), l’argento a Quentin Urban (02:08:13) ed il bronzo a Stéphane Boulanger (02:08:14). Gli stessi francesi Quentin e Urban si impongono con autorità anche nella prova in K2 (02:02:20). Primo tra gli italiani, in sesta piazza Matteo Graziani (Canottieri Comunali Firenze) con il tempo di 02:14:22. Continua il dominio dei transalpini anche nel K1 femminile con Amélie Le Sclotour che si aggiudica l’oro sui 26,2 km in 02:08:06. Argento e bronzo rispettivamente alle colleghe francesi Yseline Huet (02:08:30) e Lou Boisnard (02:14:26). Doppietta per Le Sclotour e Huet che vincono anche la prova K2  (02:01:16) imponendosi sulle sorelle tedesche Lisa e Clara Plötz. Per la canadese monoposto maschile leadership italiana con Edoardo Luciano Calo' (CUS Torino) che si impone in 02:21:28, lasciando l’argento al compagno di squadra Leonardo Quattroccolo (02:21:45) ed il bronzo ad Enrico Calvi (Ticino Pavia) in 02:27:03. Claudia Fabiola Benvegnù sotto il vessillo del Padova Canoa, vince la prova del C1 sui 14,4 km in 01:38:04, lasciando ad Alessandra Camilla Placchi (Pol. Verbano) la medaglia d’argento in 01:39:56 ed alla francese Natalia Kimberley il bronzo in 02:05:17. Al CUS Milano, invece, l’oro della gara nel K2 misto con Sabino Candela ed Emanuela Poggio (00:54:45). Tra gli Junior sui 22,6 km, è dominio del francese di Jim Hascoet (01:51:35)

GALLERIA FOTOGRAFICA

RISULTATI COMPLETI