Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

EMOZIONI A CINQUE CERCHI, IL 12 SCENDE IN CAMPO LA CANOA AZZURRA

images/large/PHOTO-2018-10-10-22-42-32.jpg
BUENOS AIRES 2018

Mancano meno di ventiquattro ore all’esordio olimpico di Lucrezia Zironi, in gara a Buenos Aires per l’appuntamento clou della stagione dedicato alle categorie giovanili, gli Youth Olympic Games. Mentre l’Italia Team conta già ben diciannove medaglie e si appresta ad ulteriori successi, la canoa tricolore ha in programma il suo esordio venerdì 12 ottobre.

LE PRIME IMPRESSIONI DA BUENOS AIRES

L’emozione di esserci, di aver scritto una pagina storia, sotto un tripudio di colori. Buenos Aires ha voluto, per la prima volta nella storia, portare i cinque cerchi fuori da uno stadio per coinvolgere, unire e rendere partecipi. Lo ha fatto celebrando la cerimonia di apertura sotto l’Obelisco del principale incrocio argentino, sull’Avenida 9 de Julio che fa da raccordo tra le vie principali del barrio di Puerto Madero. L'immancabile countdown è stato proiettato sul monumento iconico, così come i giochi di luce ed i pittogrammi delle discipline olimpiche. Lo spettacolo prende così il via, attraverso una cerimonia storica e inclusiva, vicino alla gente ed alla città.

Ezio Caldognetto e Lucrezia Zironi iniziano a respirare l’aria olimpica, così come i due genitori, mamma Alessia e papà Davide, che non hanno perso occasione per volare oltreoceano e vivere con la propria figlia questa grande avventura, portando al nostro tandem azzurro tutto il tifo degli effetti più cari, dai tecnici societari ai compagni di squadra ed il mondo canoa tutto.

“Per la prima volta la cerimonia si è tenuta in piazza”, ha raccontato Ezio Caldognetto. “Essere tutti intorno all’Obelisco ha generato un atmosfera pazzesca, con più di 300 mila persone, esperienza indimenticabile! Il campo di gara dista circa due ora e mezza dal villaggio olimpico ed il bacino dove gareggeremo è ricavato nell’arsenale della vecchia area portuale della città - ha continuato descrivendo il sito di gara - ora modernizzata e con uno sky line molto bello. In attesa dell’inizio delle competizioni, abbiamo un’ora di acqua disponibile ogni giorno e ci dividiamo le sessioni tra allenamenti in slalom ed in sprint.”

“La cerimonia d’apertura è stata davvero bellissima, un sogno esserci!” ha commentato Lucrezia. “Splendido lo spettacolo acrobatico sull’Obelisco…unica pecca che eravamo tutti in piedi ed è stato faticoso, soprattutto perché c’era il fuso orario da smaltire! In questi giorni di avvicinamento alla gara, oltre a esplorare il villaggio e partecipare alle mille attività, mi sto dedicando a provare il campo di gara, soprattutto per la parte dello slalom, alternando gli allenamenti. Per fortuna le barche su cui gareggeremo sono nuovissime e mi trovo bene! Il bacino è diviso in due parti, e condividiamo lo specchio d’acqua con i “cugini” del canottaggio. Come avete potuto vedere da qualche video, qui c’è abbastanza onda perché l’ansa del canale essendo stretta e piccola crea un effetto risacca. Sto legando molto con tutti i ragazzi dell’Italia Team e con gli altri atleti della canoa! Proprio pochi gironi fa abbiamo avuto l’onore di pagaiare accanto a due icone olimpiche come Jessica Fox e Tony Estanguet, in acqua con noi durante gli allenamenti pronti ad incoraggiarci e darci importanti consigli", ha concluso.

Nel villaggio olimpico si vive un intreccio di sogni e ambizioni di tutti i giovani sportivi al primo banco di prova a cinque cerchi. Un'esperienza che per Lucrezia, per Ezio e per tutta la canoa italiana rappresenta un punto di partenza agonistico, ma anche e soprattutto personale, nella piena condivisione di quei valori e quello spirito di una manifestazione che vale un'investitura per il futuro.

IL PROGRAMMA GARE

Lucrezia Zironi sarà protagonista della prova in K1 e dovrà svolgere entrambe le prove d’acqua piatta ed acqua mossa. L’azzurra sarà in gara per la prima fase alle 15:51 (ora italiana) di venerdì 12 con la prova dedicata alle qualifiche dello sprint che si concluderanno con la finale e la cerimonia di premiazione tra le 20:30 e le 22:20. La gara si svolgerà nel format “testa a testa” su un anello a forma di otto, con due giri di boa, e la prima avversaria dell’azzurra sarà Adela Hazova. La ceca era già stata tra le avversarie di Lucrezia durante la rassegna europea di Gyor lo scorso anno.

Lunedì 15 ottobre si cambierà, invece, scenario ed imbarcazione per cimentarsi nella prova di slalom ad ostacoli. Un “tuffo” in acqua scivolando su una rampa inclinata con un percorso tra boe ed eskimo: una novità per la giovane specialista d’acqua piatta che però, in questi mesi, ha preparato al meglio. Prove sempre a partire dalle 13:30, con assegnazione delle medaglie in serata.