Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

GLI AZZURRI IN RADUNO A CASTEL GANDOLFO: SI RICOMINCIA A PAGAIARE PER IL SOGNO OLIMPICO

images/large/Squadra_Nazionale_Senior_Canoa_VelocitaÌ_19_copia.JPG
CANOA VELOCITA'

La nazionale italiana di canoa velocità riparte dalle acque di Castel Gandolfo (RM). Dal 4 al 21 novembre gli azzurri si ritroveranno nel Centro Federale del Lago di Albano per il primo raduno stagionale che apre la strada verso le Olimpiadi di Tokyo 2021. 

Sotto la guida del direttore tecnico Oreste Perri prenderà il via il percorso di preparazione per una stagione ricca di appuntamenti internazionali. Si parte con l’ultima finestra di qualificazione olimpica a maggio, dal 9 al 12 a Szeged (Ungheria) e del 14 al 21 a Barnaul (Russia), quest’ultima solo per le barche singole. Attualmente l’Italia ha già qualificato due imbarcazioni ai Mondiali di Szeged 2019: il K1 200 e il K2 1000 metri. A giugno, dal 3 al 6, gli azzurri faranno rotta su Duisburg (Germania) per gli Europei e poi, dopo i Giochi Olimpici (2-7 agosto), su Copenaghen (Danimarca) per i Mondiali dal 15 al 19 settembre. 

“Siamo pronti e abbiamo grande voglia di ripartire. Il 2021, coronavirus permettendo, sarà un anno cruciale per canoa italiana”, spiega il DT Oreste Perri. “Abbiamo degli obiettivi a breve termine come le qualificazioni e le Olimpiadi di Tokyo, e al tempo stesso un obiettivo a medio termine, ovvero preparare la squadra per le qualificazioni olimpiche del 2023 per Parigi. Abbiamo una squadra giovane e forte come ampi margini di crescita. Per questo penso che lo spostamento di un anno delle Olimpiadi non ci abbia penalizzato più di tanto. La coppa del mondo di Szeged di quest’anno - dove l’italia ha vinto ben 7 medaglie -  ci ha dimostrato che stiamo andando nella direzione giusta, ora dobbiamo lavorare a testa bassa, credendo in ciò che stiamo facendo”.

Oreste Perri sarà coadiuvato dal Coordinatore Tecnico-Scientifico, Gianni Mazzoni, dai Responsabili Tecnici, Davide Aliprandi e Mihail Vartolomei e dai Collaboratori Tecnici Federali , Antonio Scaduto e Alessandro Ventriglia. 

Gli atleti convocati per il kayak sono Alessandro Gnecchi (Carabinieri), Luca Beccaro (Fiamme Gialle), Giulio Dressino (Fiamme Gialle), Samuele Burgo (Fiamme Gialle), Nicola Ripamonti (Fiamme Gialle), Mauro Crenna (Fiamme Gialle), Andrea Schera (Fiamme Gialle), Matteo Cavessago (Canottieri Padova) e Leonardo Borsoi (Canottieri Padova). Manfredi Rizza (Aeronautica Militare) invece continuerà la preparazione specifica a Sabaudia con il tecnico federale Stefano Loddo. 

Per la canoa canadese Luca Incolligo (Fiamme Oro), Daniele Santini (Fiamme Oro), Carlo Tacchini (Fiamme Oro), Nicolae Craciun (Fiamme Oro), David Szela (Fiamme Oro), Mykola Vykhodtsev (CKS Le Saline). 

Gli atleti convocati per i test valutativi sono invece: Andrea Di Liberto (Trinacria), Luca Meneguolo Boscolo (Canottieri Padova), Giulio Bernocchi (CUS Milano), Gianluca Pommella (Canottieri Ausonia), Sergio Craciun (Fiamme Oro), Gabriele Casadei (Lago di Candia Sport). Dal 21 al 24 saranno convocate anche le migliori atlete senior e Under 23. Terminato il raduno a Castel Gandolfo la nazionale si sposterà in Sicilia fino a marzo, da aprile prenderà il via la stagione con le gare nazionali (prove indicative e selettive) e internazionali.