Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

ESORDIO AZZURRO AGLI AUSTRALIAN OPEN: BUONI I PRIMI RISCONTRI IN QUALIFICA

images/large/IMG_8853.jpeg
CANOA SLALOM

Nella giornata inaugurale degli Australian Open, a Penrith, l’Italia della canoa slalom risponde bene al primo banco di prova internazionale. Passano le qualificazioni tutti e tre i kayak maschi in gara (Giovanni De Gennaro, Zeno Ivaldi e Marcello Beda). Nel C1 prosegue in semifinale solo Roberto Colazingari, mentre Raffaello Ivaldi termina la sua corsa nella seconda heat fermato da due salti di porta.

Nel complesso, i riscontri cronometrici del tracciato, disegnato dal DT spagnolo ed ex tecnico azzurro Guille Diez Canedo e dal coach australiano Robin Jeffery, evidenziano l’ottima destrezza nell’affrontare l’insidioso canale australiano, sede degli allenamenti azzurri oramai dallo scorso gennaio. 

Scendendo nel dettaglio, nel K1 maschile il neo papà Jiri Prskavec (CZE) si impone sul favorito australiano Timothy Anderson, che con il secondo tempo raccoglie ovazioni dal pubblico di casa. Subito dietro campioni del calibro di Micheal Smolen (USA) e David Llorente (ESP). Il migliore della rosa azzurra è Giovanni De Genando che mette a segno la qualificazione in prima heat con il 21° crono (93.01) caratterizzato da un tocco in risalita 3. Il Carabiniere di Roncadelle è seguito da Zeno Ivaldi (G.S. Marina Militare) distaccato di solo mezzo secondo in 22^ posizione (93.47). Completa il terzetto da semifinale Marcello Beda (CC Bologna), grazie al quarto tempo ottenuto in seconda run (94.04).

Nella canadese monoposto Roberto Colazingari (C.S. Carabinieri) finalizza il migliore risultato di giornata del gruppo azzurro. Nella prima prova, che vede leader il ceco Lukas Rohan con il competitivo riscontro cronometrico di 95.86, Colazingari porta a casa la qualifica con un pulito 98.60 che gli vale la decima posizione. Meno fortunato Raffaello Ivaldi (G.S: Marina Militare), che viene escluso dalla rosa dei primi venti con un tocco di troppo e finisce definitivamente out in seconda run con due fatali salti di porta sulle risalite 9 e 16.

Appuntamento a partire dalle 23:45 con le prove semifinali (e a seguire finali) di K1 femminile e del C1 maschile, dove per l’Italia sarà Roberto Colazingari a rimettersi in partenza sul cancelletto del via per provare ad andare a caccia del risultato. 

LIVE RESULT: http://bit.ly/39RJUke

SITO EVENTO: http://bit.ly/2vQeSuq 

Foto di Ettore Ivaldi