Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

A FERRARA ASSEGNATI I TRICOLORI DI PARACANOA DISCESA

images/large/20190616_111355.jpg
PARACANOA

Fine settimana di Campionati Italiani per la paracanoa discesa a Ferrara. Gli specialisti dell’acqua mossa si sono dati appuntamento per la sfida tricolore che ha incoronato i nuovi leader nazionali, organizzata dal Canoa Club Ferrara.

Karim Gouda Said Hessan del Canoa Club Ferrara si afferma nel K1 B1 ragazzi maschile. Nel K1 B1 senior a vincere l’oro è Angelo Lova che per il CC Vigevano si impone su Massimo Sicchiero (CC Ferrara), medaglia d’argento. Tocca ad Elisa Renier, pagaiatrice in forza al Canoa Club Mestre, avere la meglio nella finale del K1 DIR A femminile. Ancora Ferrara al primo posto grazie alla prova di Andrea Alberti che nel K1 DIR A maschile vince sul CC Mestre di Alberto Foglia. La Canottieri Mutina sale sul gradino più alto del podio nel K1 DIR B femminile con Sara Altreri, precedendo Arianna Menetto (CC Mestre), seconda sul traguardo. Mutina che vince anche tra i DIR B maschili con Simone Gufalli, primo davanti al compagno d’argento Matteo Pezzetti e al bronzo del CC Ferrara Marco Pareschi. Michael Sfrizzo per il Canoa Club Mestre vince nel K1 KITA2 mentre Saif Gasmi Eddine del CC Ferrara si impone nel KL1 ragazzi maschile. Medaglia d’oro per Ngamada Ngol Ndara (CC Mestre) nel KL2 senior. Riccardo Novella, per il CUS Pavia, è primo nel K1 KL3 master maschile. Il meneghino Mirko Nicoli (Idroscalo CC), archivia il titolo tricolore nel KL3 maschile, precedendo rispettivamente Daniele Nasole (CC Ferrara) e Claudio Panciera (CC Mestre).

Nel K1 DIR A a squadre vince la Canottieri Mutica con Gufalli, Pezzetti e Torreggiani. Nel K1 DIR B protagonista il CC Ferrara con Alberti, Pareschi e Casarotti.

RISULTATI