Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

TOKYO 2020: SCATTA IL COUNTDOWN PER LA PARACANOA, GIOVEDI' AZZURRI AL VIA NELLE BATTERIE

images/2021_news/slalom_2021/large/PARA_TEAM.jpg
GIOCHI PARALIMPICI

Oltre 90 atleti provenienti da almeno trenta nazioni sono arrivati a Tokyo per prendere parte alle seconde Paralimpiadi nella storia della paracanoa. La disciplina infatti ha fatto il suo esordio nel programma olimpico a partire dai Giochi di Rio de Janeiro 2016. A Tokyo saranno nove i titoli paralimpici in palio nei tre giorni di competizioni al Sea Forest Waterway, sei in più rispetto alla precedente edizione quando non era ancora stata introdotta la disciplina monopala del Va’a. Il programma gare si apre ufficialmente giovedì 2 settembre con le batterie di qualificazione di tutte le specialità, il 3 e 4 settembre invece andranno in scena le semifinali e finali. 

La squadra italiana, che dal 2016 ad oggi si è sempre confermata ai vertici della specialità, sarà composta da quattro atleti e sarà guidata dal direttore tecnico Stefano Porcu, coadiuvato dal tecnico federale Gianni Anderlini e dalla fisioterapista Prisca Celestini. Nel KL1 femminile la nostra portacolori sarà Eleonora De Paolis (Circolo Canottieri Aniene) che agli Europei di Poznan di quest’anno ha conquistato la medaglia d’argento. Eleonora ha già preso parte alle Paralimpiadi del 2016 nel canottaggio. Torna ai Giochi anche Federico Mancarella (Canoa Club Bologna), argento iridato nel 2019 e bronzo europeo quest’anno, che a Rio terminò al 5° posto nella finale del KL2 200, Veronica Biglia (CUS Torino) invece esordirà invece nella specialità del VL2 200 metri. A pochi giorni dalla partenza per Tokyo la spedizione azzurra ha perso una punta di diamante come Esteban Farias (Canottieri Leonida Bissolati), già due volte campione del mondo e campione europeo, fermato da un problema fisico. Sarebbe stato il suo debutto olimpico nel KL1 200 metri. Chi invece può festeggiare una inaspettata chiamata per i Giochi è Kwadzo Klokpah (Canottieri Lecco), che ha usufruito di una pass speciale a pochi giorni dell’inizio delle gare per la rinuncia di alcuni atleti nel KL3. 

Sei nazioni faranno il loro debutto nella disciplina: Bielorussia, India, Kazakistan, Portogallo, Uzbekistan e il Comitato Olimpico Russo. La Gran Bretagna è stata la nazione più vincente alle Paralimpaidi di Rio con cinque medaglie e a Tokyo si presenta con una squadra completa avendo qualificato ben otto atleti. Sei invece le barche su cui potranno contare il Comitato Olimpico Russo, il Brasile e l’Ungheria. 

Quasi tutti i campioni paralimpici di Rio saranno in Giappone per difende il titolo: l’australiano Curtis McGrath nel KL2 maschile, l’ucraino Serhii Yemelianov nel KL3, le britanniche Jeanette Chippington nel KL1 e Emma Wiggs nel KL2 e il polacco Jakub Tokarz nel KL1. Alcuni potrebbero fare la storia vincendo una medaglia in due le discipline come McGrath che arriva a Tokyo da campione del mondo in carica sia nel KL2 che nel VL2. 

La paracanoa ai Giochi si pratica su acqua piatta e sulla distanza dei 200 metri e sono previste due specialità: il kayak che si pratica con una pagaia a doppia pala e il Va’a, detto anche outrigger o canoa polinesiana, che invece prevede l’uso della pagaia monopala ed è caratterizzata da un galleggiante laterale, detto bilanciere, collegato allo scafo che ne aiuta la stabilità. Gli atleti sono suddivisi in classi in base alle funzionalità residue del corpo durante il gesto tecnico (KL1 o VL1: funzionalità solo sugli arti superiori - KL2 o VL2: tronco e arti superiori  - KL3 o VL3: arti inferiori, tronco e arti superiori). Le discipline presenti nel programma paralimpico sono KL1, KL2, KL3 VL2 sia maschile che femminile e VL3 maschile. 

GLI AZZURRI IN GARA 

Veronica Biglia - VL2 200 metri 

  • Heat 1 - 2/9/21 h. 2.40
  • Semifinal - 3/9/21 h. 2.44 
  • Final - 3/9/21 h. 4.02 

Federico Mancarella - KL2 200 metri 

  • Heat 1 - 2/9/21 h. 2.50
  • Semifinal - 3/9/21 h. 2.58 
  • Final - 3/9/21 h. 4.18

Kwadzo Klokpah - KL3 200 metri 

  • Heat 1 - 2/9/21 h. 3.00
  • Semifinal - 3/9/21 h. 3.12 
  • Final - 3/9/21 h. 4.44 

Eleonora De Paolis - KL1 200 metri 

  • Heat 2 - 2/9/21 h. 3.55
  • Semifinal - 4/9/21 h. 2.30 
  • Final - 4/9/21 h. 3.48 

OFFICIAL WEBSITE 

ICF WEBSITE

SITO WEB CIP