EUROPEI J/U23: ITALIA TITANICA A BELGRADO, TRE ORI ED UN BRONZO NELLA PRIMA GIONATA DI FINALI SUI 1000m

images/large/IMG_1576.JPG
CANOA VELOCITÀ

L’Italia della canoa velocità è da record sul bacino serbo di Ada Ciganlija. Ai Campionati Europei Junior e Under 23 di Belgrado, nella prima giornata di finali sulla distanza dei 1000m, si canta squarciagola l’inno di Mameli. 

Emozionate mattinata di gare dove, a distanza di pochi minuti, la spedizione tricolore conquista ben quattro medaglie: oro e titolo continentale di categoria per il C1 Under 23 1000m di Gabriele Casadei (GS Fiamme Oro), per il K2 Junior 1000m di Luca Micotti (Pol. Verbano) e Federico Zanutta (Canoa San Giorgio) e per il K2 Under 23 1000m di Luca Boscolo Meneguolo e Giovanni Penato (GS Fiamme Gialle), mentre il bronzo va al giovanissimo Achille Spadacini, nella specialità olimpica del K1 1000m Junior (Pol. Verbano).

Quattro medaglie “pesanti”, di cui due in specialità olimpiche, messe al collo dal futuro della canoa azzurra in una giornata strepitosa che porta l’Italia ad occupare il secondo posto nella medal table, subito dietro l’Ungheria.

Il primo a salire su gradino più alto del podio è Gabriele Casadei nel C1 1000m Under 23. L’agente della Polizia di Stato, già oro iridato lo scorso anno a Montemor nel C2 1000m, conferma le aspettative della vigilia.  Proveniente dalla “scuola” del Lago di Candia e plasmato dal la fucina di talenti del GS Fiamme Oro, Gabriele da seguito alla lunga tradizione azzurra che negli ultimi anni ha visto un susseguirsi di successi nella specialità della canadese. Casadei porta a casa con orgoglio e soddisfazione il titolo di campione europeo segnando il crono finale di 3:51.16, con ampio margine sul lettone medaglia d’argento Roberts Lagzdins (3:55.28), staccato di più di quattro secondi. Medaglia di bronzo alla Repubblica Ceca con Jiri Minarik (3:55.50).

A distanza di pochi minuti l’Italia torna a cantare l’inno con la medaglia d’oro del K2 1000m Junior di Federico Zanutta e Luca Micotti. La coppia esordiente, formata dal canoista friulano della Canoa San Giorgio e dal piemontese della Pol. Verbano, fa issare per la seconda volta il tricolore italiano sul pennone più alto del campo di gara serbo. Gli azzurrini segnano sul traguardo il tempo di 3:18.74, imponendosi per trentaquattro centesimi di secondo sull’equipaggio ungherese medaglia d’argento di Szakacs/Samu (3:19.08) e quello ceco di bronzo, formato dalla coppiaHrabek/Niebeuer (3:19.49). Una gara condotta in gran rimonta sugli ultimi 250m, che ha permesso alla barca azzurra di centrare con inarrestabile grinta la sognata medaglia d’oro. Un risultato che mancava, nella categoria junior sui 1000m, da tredici anni, con l’ultimo storico oro di Poznan 2009.

Successo annunciato quello del K2 Under 23 1000m, che regala alla spedizione italiana il terzo oro di giornata con Luca Boscolo Meneguolo e Giovanni Penato. Un titolo europeo frutto di una prova acuta e ben gestita con l’equipaggio azzurro abile a condurre l’intero percorso in testa, fin dall’uscita dai blocchi, per poi chiudere con il tempo di 3:14.28 davanti alla Bulgaria di Stefanov/Valchov (3:16.58) e alla Romania di Tenta/Zaharia (3:17.16). Mentre per Penato quella odierna rappresenta la prima medaglia in maglia azzurra, Luca Boscolo Meneguolo non è nuovo al podio: già nel 2020, in coppia con Giulio Bernocchi, aveva centrato il bronzo nella prova di Coppa del Mondo senior sui 500m.

Ultima, ma non meno importante, la medaglia di bronzo conquistata da Achille Spadacini nella specialità olimpica del K1 Junior 1000m maschile, con il verbanese che chiude la tiratissima finale in 3:38.07. A separarlo dall’oro sono poco più di tre secondi, quelli che portano sul gradino più alto del podio la baby star ungherese Hunor Hidvegi. Completa il podio l’argento spagnolo di Marcos Caballero (3:36.40).

Samuele Veglianti termina settimo la prova del C1 Junior. Il giovanissimo del GS Fiamme Oro chiude la massima finale sui 1000m in 4:13.27. Titolo di categoria al georgiano Aleksandre Tsivtsivadze (3:58.45), argento alla Polonia di Kacper Siedradzan (3:58.54) e bronzo alla Spagna di Daniel Grijalba (3:58.84).

Anche il C2 Junior di Marco Tontodonati e Kristian Szela chiude la finale sui 1000m con un settimo posto (4:01.73). Ad occupare il podio è ancora una volta l’Ungheria che indossa l’oro con l’equipaggio di Lugosi/Uhrin (04:00.34), mentre il secondo e terzo gradino del podio sono occupati rispettivamente dalla Polonia (3:46.63) e dalla Romania (3:48.603).

Nel pomeriggio si continua con le ultime semifinali sui 200m, mentre domani gran finale con l’assegnazione dei titoli continentali sui 200m e sui 500m.

STREAMING

Le gare verranno trasmesse in live streaming sui canali YouTube dell’European Canoe Association ed in cross posting sul sito federale www.federcanoa.it.

RISULTATI: https://bit.ly/3udokDJ  

EVENT WEBSITE: https://kajaksrbija.rs/2022eca/