Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

MANCARELLA D'ARGENTO ALL'EUROPEO DI MOSCA

Leggi dopo

porcuokNella paracanoa, dopo le tre medaglie di ieri, continuano a brillare gli azzurri che salgono sul podio con l’esaltante prova d’argento di Federico Mancarella e lo sfiorano con Ravalli nel KL1. 

La più bella soddisfazione di giornata arriva oggi da Federico Mancarella che a Rio sarà una delle punte di diamante della spedizione azzurra della paracanoa. Il portacolori del Canoa Club Bologna, fuori in batteria all’europeo 2015, dimostra la sua progressiva crescita chiudendo in seconda posizione nella finale del KL2, alle spalle dell’austriaco Marcus Swoboda (campione del mondo 2010 e vicecampione mondiale 2016). Bronzo agli europei 2014, quarto ai mondiali 2015 e sesto ai mondiali 2016, Mancarella trova il giusto ritmo tra le acque di Mosca e pagaiata dopo pagaiata sbaraglia la concorrenza chiudendo con la medaglia d’argento, in 44.540, a 2.620 dall’austriaco Swoboda che conquista il gradino più alto del podio. Alle spalle di Mancarella si piazza lo sloveno Dejan Fabcic che al recente mondiale di Duisburg chiuse invece davanti al caparbio atleta bolognese. 

 

Salvatore Ravalli sfiora il podio per appena 180 millesimi di secondo. Il suo quarto posto è risultato di spessore nella finale del KL1 con l’azzurro che ferma il cronometro sul 53.808 ingaggiando un avvincente testa a testa con il bielorusso Andrei Tkachuk che riesce ad avere la meglio di pochissimo. L’oro va all’ungherese Robert Suba in 51.228 davanti al francese Remy Boulle e al portacolori della Bielorussia. Ma per Ravalli, portacolori della Polisportiva Canottieri Catania e lo scorso anno secondo al campionato continentale, quello di Mosca è comunque un ulteriore passo in avanti verso l’importante appuntamento di Rio 2016 al quale parteciperà con la nazionale azzurra di paracanoa. 

Sesto posto in finale per Juliet Kaine nella prova del KL1 femminile; l’azzurra lotta fino al traguardo chiudendo in 1.09.304 nella prova vinta dalla tedesca Edina Muller davanti alla russa Alexandra Dupik e alla polacca Kamila Kubas. Pier Alberto Buccoliero manca la qualifica alla finalissima del KL3 chiudendo al quinto posto in semifinale con il tempo di 45.064, staccato di 952 millesimi dalla prima posizione conquistata dallo spagnolo Jonas Garcia;

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004