Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

E'TEMPO DI AUSTRALIAN OPEN PER GLI AZZURRI DELLO SLALOM

Leggi dopo
colazingariaustralia2016Primo importante test ufficiale, dal 5 al 7 febbraio al Penrith Whitwater Stadium in Australia, per gli slalomisti azzurri impegnati nel primo raduno ufficiale della stagione. Da diverse settimane oltreoceano, gli specialisti italiani prenderanno parte all’Australian Open con il via delle gare previsto per venerdì (notte tra giovedì e venerdì in Italia) con le qualifiche per C1 uomini, K1 uomini e donne e C2; sabato (notte italiana tra venerdì e sabato) spazio a semifinali e finali per C1 uomini, K1 donne e C2. Domenica (notte tra sabato e domenica italiane) invece sarà la volta di semifinali e finali per K1 uomini, batterie, semifinali e finali per il C1 donne. 
Al termine della prima run di qualifica accederanno alla semifinale i primi 30 K1 uomini, i primi 20 C1 uomini e K1 donne e i primi 15 C2 e C1 donne; nella seconda manche conquisteranno il pass per la semifinale altri 10 K1 uomini, C1 uomini e K1 donne e 5 C2 e C1 donne. In finale andranno invece i migliori 10 per ciascuna categoria al termine delle semifinali. 
Pronti al via dell’Australian Open Giovanni de Gennaro (Forestale), Andrea Romeo (Marina Militare), Zeno Ivaldi (CC Verona) e Daniele Molmenti (Forestale) nel K1 maschile; Stefanie Horn e Clara Giai Pron (Marina Militare) nel K1 femminile, Stefano Cipressi (Marina Militare), Roberto Colazingari (Forestale) e Raffaello Ivaldi (CC Verona) nel C1 maschile; Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari (Aeronautica Militare) nel C2. 
Soddisfatto fin qui il direttore tecnico azzurro Mauro Baron che commenta così, dall’Australia, le prime settimane di raduno della nazionale italiana: “Le impressioni sono buone perché le risposte giornaliere degli atleti sono in linea con i comportamenti di chi vuole eccellere. Il compito che ci siamo dati è prioritariamente consapevolezza in ogni seduta, che vuol dire usare delle strategie per aiutarsi a migliorare da un allenamento all’altro, mettere in atto un atteggiamento di miglioramento continuo. Gli Australian Open sono una gara prestigiosa dove possiamo raccogliere i primi dati per una verifica di avvicinamento alla stagione agonistica principale. Ciò non toglie che il programma di lavoro svolto non è cambiato in funzione della gara di fine settimana. Tutti ci arriveranno con la classica settimana di scarico che arriva dopo tre microcicli di carico”.
Giornate intense quindi, quelle trascorse fin qui dagli atleti impegnati in Australia; due allenamenti giornalieri, eccezion fatta per l’opportunità di avere due pomeriggi liberi per riposare. Tanto tempo trascorso sul canale di Penrith ma anche sedute in palestra per cercare di integrare al meglio l’attività tecnica e alle prese con rapide e correnti, senza dimenticare l’aspetto fisico e di potenziamento. Il tutto, chiaramente, con l’attenzione anche all’aspetto mentale per arrivare preparati ai momenti decisivi, quando in stagione serviranno potenza, tecnica e concentrazione. 
Sito ufficiale e informazioni aggiuntive: http://canoe.org.au/events/2016-slalom-series/

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004