Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

IN CHIUSURA A RACICE ARGENTO BURGO E BRONZO CONTINENTALE PER IL C2 SANTINI-INCOLLINGO

Leggi dopo c2santinincollingoAncora due medaglie all’europeo di canoa e paracanoa per i canoisti italiani impegnati sulle acque del bacino di Racice, in Repubblica Ceca.

Nella giornata odierna, l’ultima della rassegna continentale, Irene Burgo conquista l’argento nel K1 5000 mentre il C2 200 di Daniele Santini e Luca Incollingo mette al collo la medaglia di bronzo.

L’equipaggio composto da Santini e Incollingo è protagonista di una gara più che positiva chiusa in 38.276, con un ritardo di 1.448 dall’oro che finisce al collo dei russi Korovashkov e Shtyl; alle loro spalle si piazza la Bielorussia con Rabchanka e Vauchetski che precede di tre decimi il C2 azzurro.

Nel K1 Irene Burgo completa il suo europeo con un argento prezioso in un evento in cui ha lottato sui 500, 1000 e 5000. L’azzurra ingaggia un testa a testa avvincente con la bielorussa Litvinchuk e l’irlandese Egan. A tagliare per prima il traguardo è proprio la bielorussa che ferma il cronometro dopo 22 minuti, 19 secondi e 250 millesimi di gara, precedendo di appena 430 millesimi la siciliana. Terzo posto, con 220 millesimi di ritardo su Irene Burgo, chiude invece la Egan.

Doppia gara odierna per Matteo Florio e Manfredi Rizza, in finale nel K2 200 e nel K2 500. Nella prova sprint i due velocisti azzurri chiudono al sesto posto dopo un’ottima partenza. Il loro tempo (33.300) è di 1 secondo e 076 millesimi superiore a quello dei tedeschi Rauhe e Liebescher che vincono l’oro. Alle spalle del tandem teutonico Serbia, Lituania, Russia, Svezia e appunto Italia. Florio e Rizza sono settimi invece nella finalissima dei 500 disputata in mattinata e vinta anche in questo caso dalla Germania con Rendschmidt e Gross. Alle loro spalle Slovacchia, Bielorussia, Ungheria, Russia, Serbia e Italia.

Tra le altre gare torniamo a parlare di Irene Burgo che dopo il bronzo nel K1 1000 conquistato ieri era scesa in acqua questa mattina anche nella finale del K1 500 chiudendo in nona posizione con il tempo di 01.59.544. +4.992 il distacco dell’azzurra dalla polacca Wojnarowska che vince l’oro davanti alla tedesca Weber e alla francese Guyot. Nono posto in finale anche per Nicolae Craciun nel C1 con l’azzurro che chiude in 01.55.744 a 6.028 dall’oro vinto dal ceco Fuksa sul russo Pavlov e sull’ucraino Altukhov. Nel C1 5000 tredicesimo posto per Sergiu Craciun nella prova vinta dal tedesco Sebastian Brendel mentre nel K1 5000 Maximilian Benassi ferma il cronometro sul 21.26.400 piazzandosi in quattordicesima posizione.

“Manteniamo i piedi per terra, ci godiamo i segnali positivi di questo europeo ma non sottovalutiamo ovviamente anche i segnali meno buoni arrivati invece da alcune barche. Rispetto all’europeo dello scorso anno siamo nettamente migliorati sia in termini di finali conquistate, sia in termini di medaglie. Burgo, Dressino, il K2 200 e la medaglia del C2 di oggi sono segnali che danno indicazioni e sensazioni positive – commenta a caldo il Presidente FICK Luciano Buonfiglio – l’altra faccia della medaglia è legata da quelle barche che si sono espresse sottotono e dalle quali ci aspettavamo percorsi e indicazioni diverse. Di buono c’è che è meglio fare gare deludenti oggi piuttosto che tra pochi mesi a Milano. L’imperativo per tutti, comunque, era e rimane quello della necessità di lavorare ancora, e tanto, in vista dei prossimi appuntamenti e delle settimane che ci dividono dalla qualificazione olimpica. Buoni segnali sono arrivati dalla paracanoa – prosegue Buonfiglio – e anche questo in chiave Rio de Janeiro 2016 dà fiducia. Se a questi risultati sommiamo quelli degli slalomisti ottenuti ad inizio stagione in Brasile possiamo confermarci come Federazione presente e capace di competere ad alti livelli con tutti. Si tratta di proseguire su questa strada correggendo gli aspetti che ci sono piaciuti meno. Ho ringraziato i ragazzi, ho ringraziato il vicepresidente Argiolas e i tecnici per il lavoro svolto, un lavoro che deve continuare ora e nei prossimi mesi”.

Tutti i risultati al link http://europecanoeevents.com/live-results/time-table

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004