Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

DISCESA: VIGILIA DI GARE TRA ULTIMI ALLENAMENTI E UN PO'DI SHOPPING

Leggi dopo

Da Kraljevo le impressioni del ct azzurro Robert Pontarollo:

"Piove e fa freddo, il termometro segna 6°, il fiume è cresciuto di circa 20 cm , il colore dell’acqua è sempre più scuro ma le componenti tecniche non cambiano. La difficoltà del percorso rimane sostanzialmente la medesima. Gli atleti distanti 40 km dal campo di gara subiscono obbligatoriamente un viaggio in furgone che si deve ripetere due volte al giorno. La situazione logistica impone l’albergo distante dal luogo delle competizioni. Quasi tutte le nazionali sono alloggiate presso l’hotel Termal, in una cittadina dal nome tipico “Mataroska Banja”. Il programma del mattino è stato rispettato in maniera meticolosa, si sono effettuate le prove tattiche per le gare a squadre.

La posizione della partenza e la tipologia dei fiumi nelle specialità fluviali richiedono lo studio delle strategie nuove in ogni competizione.

I tecnici assieme agli atleti devono valutare i molteplici aspetti che possono determinare ed influenzare il risultato, a partire dall’aspetto idrografico a quello psicologico.

Le valutazioni devono essere fatte tenendo in considerazione le condizioni fisiologiche dei partecipanti, l’acquaticità, la determinazione,la destrezza, l’esperienza e tantissime altre componenti. Nella maggioranza dei casi quello che sembra essere scontato alla fine non lo è. I dubbi sull’ordine di partenza e la strategia da seguire in gara a squadre sono componenti che assorbono energia e divora alcuni atleti particolarmente emotivi; dunque grande responsabilità da parte dei tecnici che devono saper “camuffare” incertezze o malesseri fisici che l’avvicinarsi delle gare possono far emergere. La giornata uggiosa si è riempita di sole, quando la raggiante Viola Risso fa notare a tutta la squadra la sua nuovissima canoa bianca e azzurra con la quale è scesa per la prima volta le fredde acque del fiume “Ibar”. Martino Rogai sfoggia una canoa color arancione con fasce nere mai vista prima, l’aspetto di una salamandra gigante si mescola in un contesto ideale. Nel pomeriggio , nella mezza giornata di riposo , la squadra ha fatto shopping nella vicina Kraljevo."

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004