Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

SLALOM: AZZURRI A PENRITH, IL PRIMO TEST AGLI AUSTRALIAN OPEN

Leggi dopo

colazingariaus2011Prosegue a passo spedito la preparazione australiana per gli slalomisti azzurri impegnati a Penrith. Giornate piene e produttive in canoa, alternate a qualche momento di relax e a un’occhiata agli Australian Open di tennis, evento che nella terra dei canguri monopolizza ovviamente l’attenzione degli sportivi e che ha coinvolto anche i nostri pagaiatori. Dall’essere spettatori di fronte alla tv osservando le gesta dei vari Federer e Nadal, si passa ovviamente all’essere attori in prima persona nel cammino di preparazione al primo test di metà febbraio con gli Australian Open (stavolta di canoa) e agli appuntamenti decisivi della stagione; proprio per questo, allora, chiediamo al dt Mauro Baron come sta andando il programma di allenamento australiano dei nostri azzurri:

“Qui procede bene e anche la temperatura più bassa del solito consente di "caricare" senza problemi. Nei giorni scorsi abbiamo avuto il Presidente con noi due giornate, il 19 e il 20 gennaio, una visita che ci ha motivato ulteriormente. La sistemazione logistica è una casa in collina che ci consente di avere la giusta tranquillità e ci ha permesso di organizzare anche una festa di compleanno (Angela) con gli atleti stranieri qui in allenamento come noi. Le sensazioni e i primi dati raccolti sembrano confermare un passo avanti dei ragazzi della canadese. Anche la rivalità sportiva interna tra le nostre due donne sembra sortire risultati positivi: entrambe non si risparmiano e portano in allenamento il 100% del giorno con il risultato di ottenere significativi miglioramenti. Ora siamo in pieno carico di lavoro e continueremo ad incrementare i volumi ancora per un microciclo.  Ci saranno gli Australian Open di metà febbraio e lì prenderemo le misure ai nostri nuovi e vecchi rivali, tutti giunti qui a Penrith. Non siamo certo in Australia per la gara ranking, ma già che c'è a nessuno è concesso di snobbarla. Proseguiamo sulla strada intrapresa e cerchiamo di dare il massimo affinchè possano arrivare i risultati sperati.”

logo-fick-negativo


FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK
Viale Tiziano 70 - 00196 ROMA.

P.I 01455281004